in

Australia, è morto il koala “Lewis” salvato dall’incendio dalla eroina Toni Doherty

In Australia continua da giorni l’allarme incendi . I roghi fuori controllo delle regioni New South Wales e Queensland si sono estese fino al Victoria e South Australia con temperature record oltre i 45 gradi. La situazione in alcune zone è catastrofica e per molti abitanti è arrivato l’obbligo di evacuazione. Per ora sono 612 le abitazioni distrutte dal fuoco e il numero dei morti è salito a sei. Anche per molti animali non c’é stato nulla da fare, si contano circa 350 koala morti dopo che migliaia di ettari del loro habitat naturale sono andati in fumo. Sono stati raccolti circa 1.1 milioni di dollari (680 mila euro) dal Koala Hospital di Port Macquarie diretti all’acquisto e all’installazione di punti di abbeveraggio nelle zone più colpite.

Toni Doherty e koala

>> Leggi anche: Alzheimer, scoperta molecola che blocca la malattia: ricerca tutta italiana

Tony Doherty, coraggiosa eroina che salva dalle fiamme il koala in pericolo

Le foto di Toni Doherty hanno fatto il giro del mondo e diventano subito il simbolo di rinascita per il New South Australia. Lo scatto immortala la donna in reggiseno mentre corre con in braccio un koala ferito avvolto nella sua maglietta. L’animale è stato poi adottato da Toni Doherty e ribattezzato Lewis. Nel profilo facebook della strutture di cura si legge: «ha catturato questo koala maschio che era disorientato dall’incendio e si era ustionato ulteriormente mentre tornava tra le fiamme. Lewis è stato curato e si trova ora nella sistemazione a cinque stelle del nostro ospedale».

koala morto australia

>> Leggi anche: Roma incidente Colli Albani: donna di 42 anni investita sulle strisce pedonali

Koala morto Australia, addio a Lewis

Le condizioni dell’animale sono apparse subito gravissime ai dottori del Koala Hospital di Port Macquarie, prevedendo solo il 50% di sopravvivenza. Dopo due giorni di cure intensive i veterinari hanno constatato che le ferite non stavano guarendo a dovere, le ustioni estese e profonde non hanno lasciato scampo all’animale. In un post i medici spiegano: «O​ggi abbiamo preso la decisione di addormentarlo. Lo abbiamo posto in anestesia generale per valutare le sue ustioni e cambiargli le bende, ma  le ferite sono peggiorate e purtroppo abbiamo capito che non sarebbero migliorate».  La struttura ha accolto decine di animali feriti. E’ disarmante il report del WWF: entro 30 anni i koala australiani potrebbero sparire.

dissesto idrogeologico in Italia

Dissesto idrogeologico in Italia: «Con i 3 condoni 10 milioni di cittadini a rischio frane e alluvioni»

Eva Henger su Instagram

Eva Henger Instagram, contro la figlia Mercedesz: «Mi dissocio completamente»