in ,

La Bella e La Bestia 2017: tutti i record del box office, numeri da capogiro

La Bella e La Bestia 2017, film con Emma Watson protagonista, conquista assolutamente tutti. E i botteghini, in tal senso, parlano chiaro: 170 milioni di incasso solo negli Stati Uniti, 180 nel resto del Mondo, per un totale di 350 solo dopo una settimana di messa in programmazione. I 170 milioni rappresentano un record per quanto riguarda le uscite statunitensi di marzo: il precedente detentore del primato, cioè ‘Batman v Superman: Dawn of Justice’, si era fermato a 166 milioni di dollari. Grazie a un totale mondiale di 21 milioni di dollari incassati nelle sale IMAX, ‘La bella e la bestia’ supera il record detenuto da ‘Il libro della giungla’ (2016), che aveva staccato biglietti per l’equivalente di 20 milioni.

—> TUTTO SU LA BELLA E LA BESTIA

Negli Stati Uniti ‘La bella e la bestia’ rappresenta il migliore debutto per un film con una donna eroe come protagonista e capace di coinvolgere il pubblico femminile (che ha rappresentato il 60% degli incassi). Inoltre, sempre secondo i dati forniti dai box office, si tratta anche del miglior debutto di sempre per un film PG (disponibile anche per bambini non accompagnati da genitori).

—> LA BELLA E LA BESTIA: IL CACHET DI EMMA WATSON

L’incasso dei 170 milioni di dollari sono 35 milioni in più rispetto al record detenuto da ‘Alla ricerca di Dory‘ (2016). Anche l’incasso nel resto del Mondo,  i 180 milioni, rappresentano un primato per i film classificati PG. Infine, esiste una classifica interna a Walt Disney Pictures e dedicata agli adattamenti con attori in carne e ossa di film animati. Il precedente detentore del record (‘Alice in Wonderland’, 2010) aveva totalizzato 116,1 milioni di dollari nel primo weekend di programmazione. Anche in questo caso, dunque, i 170 della ‘Bella e la bestia’ rappresenta un nuovo primato.

 

Metallica Tour 2018 Italia, vendita biglietti: informazioni importanti per combattere il secondary ticketing

Naike Rivelli e Ornella Muti

Paola Perego, chiuso programma “Parliamone Sabato”: La difesa di Naike Rivelli