in

La “biblioteca” degli oggetti, un modo low cost per disporre di tutto!

Perchè immaginare solo enormi biblioteche con scaffali ricchi di libri? Il profumo della carta, la perfezione con cui sono disposti secondo un ordine ben catalogato. La biblioteca come luogo della memoria e della fantasia, a volte dell’impotenza di fronte a tante parole che (tutte) non si potranno leggere. “Recentemente” sono stati inseriti tra i vari settori anche giornali, guide, dvd, riviste, musica. Insomma la biblioteca si è aperta nell’ambito della comunicazione, quale essa sia. Per usufruire del servizio basta iscriversi gratuitamente e riconsegnare il materiale entro i tempi stabiliti. Semplice, low cost e geniale! Perchè non farlo anche con gli oggetti?

biblioteca oggetti

A Berlino la prima a nascere è stata Leila, a seguito del successo riscontrato ne sono state aperte altre nel resto della Germania, da Kiel e Vienna. Chi vuole può portare un oggetto che non usa più, o che usa poco, ancora funzionate in deposito. Dopodichè può prenderne altri che gli servono momentaneamente. Una forma di “baratto momentaneo” basato sulla fiducia. Non esiste lo scambio di denaro nè contratti da stipulare, solo fiducia! A Toronto, invece, è stata aperta la TorontoTool Library. Gli utenti della Tool Library pagano un abbonamento annuale di 50 dollari e possono prendere gli oggetti esposti per 5 giorni, dopodichè riconsegnarli. Sono presenti oggetti di vario genere, dai trapani alle friggitrici, utensili e stampanti 3D. All’interno della quota annuale è compresa anche la partecipazione ad eventi e workshop sull’autoproduzione. Quindi imparare ad usare o specializzarsi con gli attrezzi che si hanno a disposizione. Decisamente low cost per i servizi offerti! La partecipazione e l’entusiasmo cittadino sono stati tali da dover aprire due Tool Library! La fiducia è la base di queste realtà, se non si riconsegna un oggetto lo si ruba ad un vicino od amico che potrebbe averne bisogno. Si genera un’idea comunitaria delle cose. Non appartengono a nessuno ma a tutti e devono essere a disposizione di tutti!

photo credit: Chas Redmond via photopin cc | takomabibelot via photopin cc

ponte yarn bombing

Arte urbana ecologica e femminile: Yarn Bombing

Anniversario stragi Capaci e via D’Amelio: la #navedellalegalità sbarca a Palermo, diretta streaming