in ,

La Brexit spiegata dalle parole dei bambini

Molti saranno i cambiamenti per gli adulti come per i bambini dall’uscita dall’Unione Europea della Gran Bretagna ma come spiegare ai più piccoli la Brexit? Forse il modo migliore è ascoltarlo dalle parole degli stessi bambini, molto più chiari e sintetici di molti adulti. La CNN ha posto alcune delle domande che gli stessi chiamati a votare avrebbero dovuto porsi a dei bambini tra i 10 e gli 11 anni ed ecco quali sono state le loro risposte sul referendum che ha portato al voto gli inglesi ieri, 23 giugno 2016.

Sai cos’è la Brexit? Perché pensi che il Regno Unito voglia lasciare l’Unione europea? Quali effetti pensi che la Brexit potrebbe avere sulla tua vita? Dobbiamo rimanere o dobbiamo uscire? sono alcune delle domande che la CNN ha posto a dei bambini britannici i quali hanno risposto dal “Brexit è l’unione di ‘British’ e ‘Exit’ credo” al “è una cosa per cui la gente deve andare a votare” al “è una cosa per decidere se si vuole stare nell’Unione Europea o no”. E fin qui sembra che anche i bambini abbiano le idee chiare.

E’ invece sulle domande più di opinione che tutto diventa più difficile; alla domanda “perché la Gran Bretagna dovrebbe lasciare l’Unione Europea?” un bambino ha risposto “per diventare un Paese indipendente” mentre gli effetti che potrebbero esserci sulla loro vita dovuti alla Brexit sono quelli sulle vacanze e sulla loro possibilità di viaggiare e di fare sport. Ed infine alla domanda più importante, “la Gran Bretagna dovrebbe restare o lasciare l’Unione europea?” una bimba risponde “dovrebbe restare perché uscendo l’economia potrebbe soffrirne molto”, un altro ricorda che insieme si è più protetti mentre una ragazzina ritiene che forse per essere più liberi si dovrebbe lasciarla e abbracciare la Brexit.

bimba violentata e uccisa nel beneventano

Maria violentata e uccisa nel Beneventano: interrogati due uomini, ecco chi sono

Offerte online iPhone SE, 6S iPad e iPod

Miglior Prezzo offerte iPhone 6S, SE, e iPad: gli sconti online di giugno e luglio 2016