in ,

La caccia alle streghe, quando tutto ebbe inizio: secoli di torture sulle donne

Correva l’anno 1484, quando Papa Innocenzo VIII emise la bolla “Summis desiderantes affectibus“: nonostante le donne venissero accusate di stregoneria, quindi torturate e poi giustiziate già prima del 1300, fu propria la bolla di Papa Innocenzo VIII a decretare ufficialmente l’inizio della caccia alle streghe.

Partendo dal 5 dicembre 1484, la storia insegna che anche Alessandro IV ha avuto un ruolo fondamentale nella caccia alle streghe. Dopo l’inquisizione instaurata tra il 1227 e il 1235, papa Innocenzo VIII autorizzò ogni forma di tortura contro le donne, affinché ammettessero di utilizzare la stregoneria, fosse questo vero o meno. Poco più tardi, Alessandro IV intensificò il potere dell’inquisizione instaurata contro le streghe: non solo ogni forma di tortura, ma anche qualunque autorizzazione ad uccidere le donne, considerate streghe, fu concessa.

La caccia alle streghe non lasciava scampo: le donne torturate fino a confessare venivano arse al rogo. La stessa sorte spettavano a tutte coloro che non ammettevano le loro colpe, accusate di eresia finivano comunque sul rogo. Il risultato della caccia alle streghe è milioni di donne bruciate. Una tra tutte è Giovanna D’Arco, giovane donna che assunse il comando dell’esercito, salvò la Francia dall’invasione e rimise in trono il legittimo sovrano.

Image credit: Shutterstock

vigilia di natale 2015

Vigilia di Natale 2015: come apparecchiare la tavola per la cena

robert loggia morto

Robert Loggia è morto: interpretazioni celebri in “Scarface” e “I Soprano”