in ,

La Champions League infettata dal Doping: 7.7% dei giocatori ha valori fuori dalla norma

É il più importante ed intensivo studio sul doping nella storia del calcio mondiale. A pubblicare l’inchiesta è stato il Sunday Times, che ha rivelato la positività di 68 calciatori, i cui test, analizzati dalla commissione scientifica dell’Uefa, sono risultati atipici.

Lo studio ha preso in esame circa 4.000 test di urine da professionisti, rimasti in anonimato, che hanno partecipato alla Champions e all’Europa League tra il 2008 e il 2013. Il degli 7.7% dei giocatori presi in esame hanno riportato risultati anormali, e per 879 sono stati registrati livelli di testosterone oltre il limite consentito. Una scoperta che la Uefa ha tentato di insabbiare, screditando i 12 laboratori che avevano effettuato le analisi:”I 12 laboratori che hanno analizzato le urine non hanno usato procedure comuni, rendendo i risultati non certi. Inoltre non è stato possibile fare una controanalisi come richiesto dalla Wada in casi di doping: per questo lo studio non presenta alcuna evidenza scientifica sulla potenziale diffusione di sostanze dopanti nel calcio”.

Una precisazione, quella della Uefa, che certo getta ancora più ombre su una vicenda magistralmente insabbiata dalla massima organizzazione del calcio europeo, e riportata alla luce grazie al quotidiano britannico.

Striscia la Notizia tapiro d'oro

Striscia la Notizia, Tapiro d’oro a Lele Mora per le sue scottanti rivelazioni

Storia di una randagia del sud