in

La corsa è una sana abitudine che aiuta a mantenere in forma anche il cervello

Il segreto per mantenere la mente sempre giovane? La risposta arriva da uno studio condotto dai ricercatori dell’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (IBCN-CNR) di Roma, secondo i quali la corsa avrebbe effetti benefici sul cervello stimolando la riproduzione delle cellule che potenziano la memoria.

cervello percezione menzogne

Mens sana in corpore sano, un modo di dire che nasconde mille verità, non ultima quella di una sana e quotidiana attività fisica capace di portare importanti benefici non solo al fisico ma anche alla mente. Il risultato della ricerca, pubblicato sulla rivista Stem Cells, è sorprendente perché, stando alle parole del coordinatore dello studio Stefano Farioli-Vecchioli “ha scardinato un dogma della neurobiologia: finora si pensava che il declino della neurogenesi nell’età adulta fosse irreversibile”. Invece lo studio è riuscito a dimostrare che una semplice attività fisica come la corsa può arrestare il processo di invecchiamento del cervello e stimolare lo sviluppo delle cellule legate alla memoria, scongiurando il rischio di gravi malattie mentali: “nel cervello adulto un esercizio fisico aerobico come la corsa blocca il processo di invecchiamento e stimola una massiccia produzione di nuove cellule staminali nervose nell’ippocampo, aumentando le prestazioni mnemoniche”, ha spiegato Farioli-Vecchioli. 

Questo importante risultato è stato raggiunto dai ricercatori del laboratorio diretto da Felice Tirone, che da anni è impegnato nello studio dei meccanismi molecolari alla base della proliferazione e differenziazione legate al processo di formazione di nuove cellule nervose, con la collaborazione di Vincenzo Cestari, professore associato presso il Dipartimento di Psicologia all’Università La Sapienza di Roma.

A.C. Milan

Milan: l’amara delusione dello storico capitano Maldini (Video)

Ballarò con Giovanni Floris

Anticipazioni Ballarò 18 marzo: Quale Europa ci aspetta e di chi?