in ,

La fotografia “macchiaiola” che viene dal cuore, la storia di Andrea Dani

I mezzi tecnologici possono permettere a chiunque di diventare un fotografo improvvisato e il settore ne ha risentito in negativo.

Allo stesso tempo però, l’aspetto artistico può essere esaltato ed una fotografia che emana infonde emozioni passa ancora meno inosservata.
Andrea Dani, 46 anni, livornese DOC con la passione per il basket e per il mare, è artista prima di un fotografo e il suo talento merita un approfondimento.

L’interesse per la foto nasce da bambino e gradualmente Andrea, che di professione fa il geometra in un impresa di costruzioni, inizia ad approfondire l’argomento ed a catturare momenti di vita attraverso un obiettivo durante i suoi viaggi in giro per il mondo.
Niente di diverso da cosa fanno tanti di noi, almeno fino a che non decide di creare un suo blog su Tumblr ed a condividere i suoi lavori con gli altri.

L’ispirazione è la sua città: Livorno. Una città poliedrica, storicamente multi-culturale e caratterizzata da mille contrasti che ha ispirato poeti romantici come John Keats, Percy Bisshe Shelly e Lord Byron e dato i natali generazioni di pittori talentuosi appartenenti alla corrente dei “macchiaioli” e “postmacchioli” come Giovanni Fattori, Renato Natali, Plinio Nomellini, Ulvi Liegi, i fratelli Angiolo e Ludovico Tommasi e molti altri. Per non parlare di Amedeo Modigliani.

Ebbene, il tratto pittorico delle fotografie di Andrea, il suo innato talento nel saper dipingere un contrasto con lo scopo di “arrivare” dritto al cuore è diventato di dominio pubblico nonappena Andrea ha divulgato i suoi lavoro su “LIVorNOT“.
Un marchio ben congegnato che ovviamente fa riferimento alla musa ispiratrice dei suoi lavori ma che può essere interpretato in molti modi. Come dice Andrea, “Live or not” (vivere o non vivere) deve ricordarci che ogni istante della vita deve essere vissuto e intrappolato nel nostro cuore, semplicemente perchè il suo valore è inestimabile e deve essere vissuto con intensità.

“Se fossi vissuto 100 anni fa sarei stato un pittore”, recita il claim del blog. E’ Andrea stesso a raccontarci che ogni volta che ha un impulso a scattare delle foto, non importa se è l’alba e fa freddo, prima di farlo la domanda che si pone è sempre la stessa: “se fosse un quadro come verrebbe”?
In effetti, al di là delle geometrie perfette e della indubbia tecnica di scatto, le foto di Andrea non sono mai scontate. La capacità di dare vita al colore attraverso il colore, la scelta di scorci e paesaggi innovativi in un momento di massima espressività, il dinamismo trasmesso che genera suoni, emozioni e musica; le foto di Andrea hanno la caratteristica di generare impulsi emozionali e di farti venire la voglia di essere con lui, in quel preciso momento effettua lo scatto, per ammirare l’intensità di ciò che ritrae l’obiettivo.

Andrea cura molto l’aspetto “post-produzione” delle sue foto, un lavoro che rappresenta il 50% del risultato finale. “Le foto sono scattate in formato raw e ciò che esce dalla macchina è una specie di “schizzo”. E’ fondamentale che tutti gli elementi siano corretti (luce, inquadratura, errori tecnici ecc.) e nella mia “lightroom” cerco di agire come farebbe un pittore, personalizzando contrasti, luci ed ombre, fino ad arrivare a esprimere ciò che ho sentito quando ho catturato il momento.” – racconta Andrea.

I paesaggi sono quelli tipici dei macchiaioli, prima di tutto il mare, che Andrea definisce un “rifugio ed un cibo per la mente”. Il mare in tutte le sue forme, da tutte le angolazioni ed i tutte le condizioni climatiche è sempre un soggetto affascinante se messo a contrasto con il cielo, le nuvole, le caratteristiche della costa o le navi che lo solcano.

Le foto di Andrea sono acquistabili con una cifra simbolica anche a scopo pubblicitario. E’ possibile contattarlo dal suo blog o dalla pagina Facebook dedicata.

LIVorNOT: TUMBLR BLOGPAGINA FACEBOOK

Start Upper ed esperto di imprese tecnologiche, 42 anni, laurea e master ottenuto in Gran Bretagna. Vive a Livorno ma viaggia spesso tra Milano e Torino.

4Innovaction startup Ochai

4Innovaction, al via la prima startup del progetto

expo 2015

Milano Expo 2015: programma eventi di mercoledì 27 maggio