in

La Francigena, tra Toscana e Lazio: ecco le tappe di un itinerario mozzafiato

Siete alla ricerca di un viaggio “alternativo”, capace di coniugare alle bellezze paesaggistiche l’arte e la spiritualità? UrbanPost, tra i tanti percorsi della via Francigena, ha selezionato per voi un itinerario sensazionale che parte dalla Toscana, precisamente dall’incantevole Siena, per arrivare alla Basilica di San Pietro, a Roma: si tratta in tutto di 289 chilometri, da percorrere in almeno dodici tappe, a piedi o con altri mezzi, tra cui la mountain bike o l’autobus (consigliato soprattutto nei tratti pericolosi per i pedoni). Chi ha la possibilità ed è allenato, si conceda una quindicina di giorni per percorrerlo tutto e riscoprire il piacere di un pellegrinaggio unico immerso in una cornice paesaggistica mozzafiato.

1. Da Siena a Ponte d’Arbia (28,5 chilometri). Si parte subito con un percorso impegnativo della durata di 7 ore, che vi permetterà di ammirare paesaggi incantevoli percorrendo le caratteristiche strade bianche della Val d’Arbia. Tra le tappe d’obbligo segnaliamo Grancia di Cuna (dove si può trovare qualche rifornimento d’acqua) e la pieve romanica di San Giovanni Battista. Seguendo un tratto lungo la linea ferroviaria si arriva, infine, a Ponte d’Arbia.

2. Da Ponte d’Arbia a San Quirino d’Orcia (27,4 chilometri). Dal tratto pianeggiante iniziale si comincia a salire di altitudine raggiungendo Buonconvento; il percorso continua lungo le strade per Montalcino, dove è possibile ammirare i vigneti di Brunello, passando per Torrenieri e ammirando i panorami sublimi della Val d’Orcia. Il cammino dura all’incirca 6 ore.

3. Da San Quirino d’Orcia a Radicofani (32,7 chilometri, percorribili in 7 ore). Un saliscendi tra le colline vi permetterà di raggiungere il borgo di Vignoni e di ammirare vedute incantevoli sulla Val d’Orcia. Tra le tappe da prendere in considerazione ci sono Bagno Vignoni con la famosa vasca monumentale, il centro di Castiglione d’Orcia, ospitale Le Briccole. Un’ultima ripida salita vi condurrà a Radicofani, a 790 metri di altitudine.

4. Da Radicofani ad Acquapendente (31,8 chilometri). Questo è un cammino impegnativo della durata di 7 ore. La discesa iniziale vi regalerà vedute incantevoli sulle valli laziali e sul Monte Amiata. Proseguendo per Ponte Rigo, raggiungerete nel giro di qualche chilometro il Lazio. Dopo aver goduto della bellezza di panorami incantevoli sul fiume Paglia, scenderete a Ponte Gregoriano e affronterete un’ultima dura salita che vi condurrà alla chiesa del Santo Sepolcro ad Acquapendente, dove potrete ammirare un’incantevole cripta.

5. Da Acquapendente a Bolsena (22,1 chilometri) Il percorso prosegue fino a San Lorenzo Nuovo, che vi regala un sublime panorama sul lago di Bolsena; continuando a camminare tra uliveti, boschi e prati, sia approda infine a Bolsena, dove potrete visitare la Basilica di Santa Cristina.

6. Da Bolsena a Montefiascone (17,7 chilometri). Allontanandosi da Bolsena, si continua a camminare tra saliscendi ed emozionanti viste sul lago, fino ad arrivare a Montefiascone, dove, dalla Torre del Pellegrini, potrete ammirare un incantevole panorama. Il consiglio è quello di prestare molta attenzione nella zona del Ponte della Regina, dove dovrete attraversare la Statale Cassia.

7. Da Montefiascone a Viterbo (17,8 chilometri). Il percorso inizia con panorami spettacolari, da quello sul basolato delle via Cassia fino ad arrivare alle vedute sublimi su Montefiascone e Viterbo. Potrete regalarvi una piacevole sosta alle terme di Bagnaccio, con le sue piscine di acqua calda anticamente frequentate dai pellegrini e continuare il cammino alla volta di Viterbo, dove val la pena visitare tanto il quartiere San Pellegrino, quanto il centro storico.

8. Da Viterbo a Vetralla Duomo (18,3 chilometri). Questo è il percorso ideale per chi ama la storia antica: a Viterbo è possibile ammirare i ruderi del manufatto romano di Ponte Camillario, oltre ad una tomba etrusca sotterranea (apprezzabile se si è in possesso di una torcia). Il cammino continua con un lungo saliscendi, tra boschi e campi.

9. Da Vetralla a Sutri (23,9 chilometri). Attraversando una fitta foresta, si approda alla piccola chiesa della Madonna di Loreto. Tra noccioleti e querce secolari, arriverete al monastero delle Torri d’Orlando, proseguendo il cammino per Capranica, caratteristico borgo e raggiungendo infine Sutri, famosa per l’Anfiteatro romano scavato nel tufo.

10. Da Sutri a Campagnano di Roma (27,1 chilometri). Questo cammino vi permette di percorrere un ampio tratto attraverso la campagna laziale, facendovi approdare alle cascate di Monte Gelato, dove potrete rifocillarvi e riposarvi. Arrivati al Parco di Veio, proseguite il cammino percorrendo un sentiero panoramico che conduce a Campagnano.

11. Da Campagnano di Roma a La Storta (24,4 chilometri). Dal Parco di Veio attraversate la Valle del Sorbo e salite a Formello, con il suo caratteristico centro storico. Il cammino prosegue con un percorso panoramico che, passando attraverso il guado del torrente Valchetta, arriva fino a La Storta. È importante ricordare che il guado va attraversato solo durante le stagioni di magra; in caso di dubbio, è meglio prendere un autobus da Formello a Cesano e successivamente un treno che arriva a La Storta (anche perché le stesse strade asfaltate tra Formello e La Storta rappresentano un pericolo per i pedoni).

12. Da La Storta a Roma, Piazza San Pietro (17,2 chilometri). In questo tratto, che conduce direttamente a Piazza San Pietro facendo attraversare ai pellegrini la periferia della città, è consigliata la massima prudenza (soprattutto lungo il tratto di via Trionfale sprovvisto di marciapiedi). Prima di arrivare a San Pietro, un’altra vista incantevole di cui godere è quella sul belvedere di Monte Mario.

Vi piace questo percorso? Consultate i due siti ufficiali – quello del turismo in Toscana e quello della via Francigena nel Lazio – per conoscere le tappe nel dettaglio e preparare accuratamente il vostro viaggio. Se amate questo genere di itinerari, scoprite sempre su UrbanPost il cammino della Francigena che attraversa l’Umbria e altri percorsi suggestivi sulle orme di San Francesco.

(l’immagine ritrae Montefiascone, nel Lazio)

Seguici sul nostro canale Telegram

Calciomercato Inter ultimissime: Dzeko o Dybala se parte Icardi

Massimo Bossetti si recava a controllare il cadavere di Yara

Yara Gambirasio: Bossetti col pretesto di un acquisto si recava a controllarne il cadavere?