in ,

La madre di Riccardo Viti, killer della prostituta “crocifissa”: “Mio figlio non è un mostro”

A Quarto Grado per la prima volta è stata intervistata la madre di Riccardo Viti, l’omicida reo confesso della prostituta trovata “crocifissa” a Ugnano lo scorso 5 maggio e attualmente in stato di isolamento nel carcere di Sollicciano. L’idraulico che ha confessato di avere torturato e ucciso la prostituta rumena Andreea Cristina Zamfir di 26 anni, è in attesa dell’udienza, che si terrà il prossimo 13 ottobre.

Andreea Cristina Zamfir prostituta uccisa da Riccardo Viti

L’anziana madre racconta alla giornalista di essere rimasta molto sorpresa dal tipo di reato commesso dal figlio, descritto come un uomo mite, non violento, con una vita regolare, sposato e apparentemente irreprensibile. La madre di Riccardo Viti ha dichiarato “Mio figlio non è un mostro, non può essere un mostro. E’ buono, educato, generoso, sensibile, forse troppo sensibile. Non so cosa sia successo nella sua testa: qualcosa non ha funzionato. So che ha sbagliato. Io, da mamma, lo perdono. Logicamente dovrà pagare per quello che ha fatto, non di più. Non ha mai fatto violenze contro nessuno, non ha mai litigato con nessuno. E’ incensurato e un bravo ragazzo. Ultimamente gli mancava il lavoro, forse questo stress l’ha portato ancor più a fare queste cose“. Ha poi aggiunto di temere per la vita del figlio, che descrive pentito per il crimine commesso.

I familiari di Riccardo Viti, non hanno mai lasciato solo il loro congiunto, regolarmente sia la madre, sia la moglie si recano a trovarlo in carcere. Alla fine dell’intervista, la donna ha rivolto un pensiero anche ai genitori di Cristina, che ove fosse possibile vorrebbe incontrare per condividere la sventura dei loro figli.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

ritrovate ossa umane a 30 km da ca raffaello

Caso Guerrina Piscaglia: fuggita o uccisa? Indagato un frate congolese, ricercato un ambulante

Un Posto al Sole anticipazioni

Anticipazioni Un Posto al Sole 6-8 ottobre: Viola ed Eugenio e il processo ad Alberto