in ,

La Mascotte dello Uerdingen picchia un tifoso: scoppia la rissa durante il derby

Lo Uerdigen oggi è una squadra che milita in quinta divisione tedesca, ma ha certo un passato da rimpiangere, con 14 anni di permanenza nella massima serie,la Bundesliga: per intenderci più  di quanto vi abbiamo soggiornato l’Augsburg, il Mainz o il St. Pauli. La Mascotte dello Uerdingen, l’elefante Grotifant, è forse più famoso dello stesso club: tanto che nel 2009 si è piazzato al primo posto tra le Mascotte più belle e rappresentative della Germania. Dietro di lui si nasconde tutte le domeniche Andreas Bosheck. Purtroppo però l’uomo dietro la maschera non si è dimostrato tanto docile.

All’81’ del sentitissimo derby contro il Fischeln, lo Uerdingen passa in vantaggio. Lo stadio esplode, e Bosheck, alias Grotifant, corre sotto la curva per esultare e far divertire il pubblico, come solo lui sa fare. Un tifoso ha però la pessima idea di strappare il copricapo alla mascotte. Scomparso l’elefante ed apparso l’uomo la situazione degenera: Bosheck letteralmente impazzisce, scavalca la recinzione e inizia a picchiare il tifoso come se non ci fosse un domani.

La lotta per riprendersi la testa “mozzata” – gesto intollerabile – continua imperterrita e coinvolge tutto il settore. Metà stadio diventa un ring di combattimento. Arriva così il paradosso: per il 2 a 0 nessuno esulta, tutti troppo impegnati come gladiatori in un anfiteatro. A fine match, uscito illeso dalla scazzattota, Grotifant – con la testa sulle spalle – ha dichiarato, con un certo orgoglio: “il tifoso mi ha chiesto scusa, ero solo arrabbiato, volevo indietro la mia testa!”. Provvedimenti seri non ce ne sono stati, ma di certo l’elefantino perderà,per lo meno, la simpatia dei tanti bambini che la domenica lo osannavano.

Probabili formazioni Coppa Italia

Lazio – Genoa, probabili formazioni: Pioli vuole il riscatto

Probabili formazioni Coppa Italia

Lazio, Stefano Pioli a rischio: i motivi e i papabili sostituti