in

La Miss con la milza spappolata dal fidanzato torna da lui, l’avvocato abbandona il caso

L’etica professionale ha condotto l’avvocato Carmine Posilippo ad abbandonare la sua assistita, la ventenne Rosaria Aprea, bella e giovane aspirante miss che è tristemente balzata alle cronache nazionali in seguito ad un’aggressione del suo fidanzato e convivente Antonio Caliendo. Il ventisettenne ha ridotto quasi in fin di vita, a calci e pugni, Rosaria spappolandole la milza; una lunga degenza ospedaliera e la scelta, non appena dimessa, da parte della Aprea di perdonare l’uomo e tornare da lui.

avvocato abbandona

La ragazza ha pubblicamente dichiarato, praticamente appena messo piede fuori dall’ospedale, di essere ancora innamorata del proprio uomo, per questo ha deciso di perdonarlo minimizzando l’accaduto; Rosaria si dice convinta che il suo fidanzato non volesse farle male, semplicemente non si è reso conto di ciò che stesse facendo e delle serie conseguenze che quel gesto avrebbe provocato. L’avvocato Posilippo, dopo aver sentito suddette asserzioni ha deciso di chiamarsi fuori abbandonando il caso: “rinuncio al caso in quanto le scelte dell’assistita collidono sia con la mia etica professionale sia con le strategia difensive assunte“.

Frattanto la posizione di Caliendo, al momento in stato di arresto per opera della Squadra Mobile di Caserta con l’accusa di lesioni gravissime, potrebbe alleggerirsi in quanto la sua principale “accusatrice” è dalla sua parte e farà il possibile per minimizzare i capi d’accusa che pendono sulla sua testa. La Aprea ha infatti sostenuto di desiderare che il suo convivente e aguzzino possa tornare in libertà e tra le sue braccia quanto prima. Inevitabile lo sgomento che provoca apprendere una notizia del genere mentre, qualcuno, addirittura parla di un “assassinio annunciato”.

amici 2013 finale

Serale Amici 2013 finale: Virginia Raffaele sarà l’ospite per l’intervallo comico?

Lavorare come taglialegna in canada, ecco come fare