in

La nuova frontiera della genetica: leggere il futuro nel DNA

Con soli 99 dollari si può studiare il rischio di circa 200 malattie: dal diabete al cancro al colon, dall’autismo all’obesità. Insomma l’ultima frontiera della medicina sembra essere la predizione del nostro futuro, delle nostre malattie così da prevenirle o prepararsi a curarle.

Anche in Italia stanno nascendo i primi laboratori che analizzano il DNA e i test genetici che si possono compiere sono di tre tipi: diagnostici, pre-clinici e quelli predittivi. Questi ultimi calcolano attraverso le analisi dei mutamenti di uno più geni la probabilità di sviluppo di una certa malattia. Ma quanto davvero sono utili questi test? A volte,riguardo risultati solo probabilistici, servono solo ad aumentare lo stato di ansia e angoscia in pazienti che potrebbero anche non sviluppare mai quel problema. Altre volte portano alla scoperta di malattie incurabili e rovinano la vita del paziente.

Molti medici si dicono contrari alla pratica dello screening del DNA: lo sviluppo o meno delle malattie può mutare in base allo stile di vita, l’ambiente e tanto altro, non vale la pena preoccuparsi quando si è sani. Ma approfittare di questo strumento non è cosa da poco, se si pensa alla possibilità di individuare cure mediche adatte al caso concreto e sapere anche quali effetti avranno i farmaci su quei determinati pazienti.

Analisi Dna Screening Malatie

Eppure conoscere perfettamente il futuro di ogni singolo individuo rimane ancora un’utopia: ci sono incontri, incidenti, miracoli e strade inaspettate che non si possono calcolare. Insomma, il destino ha mille strade, di fronte ai numeri delle probabilità mediche si apre il mondo del mistero e delle sorprese che la vita ci riserva. Se è giusto che ognuno sia libero di informarsi e ricorrere ai nuovi metodi di predizione è anche giusto che ognuno non dimentichi quanto è bello il mistero di ciò che il fato ci riserverà e che l’ultima a morire è sempre la speranza.

Cocaina

Allarme droga: ora si compra online e arriva per posta

Investire nelle start-up innovative conviene