in ,

La prova del cuoco ricette dolci: strudel di pere con salsa alla vaniglia

Ecco gli ingredienti ed il procedimento per la realizzazione dello strudel di pere con salsa alla vaniglia di Marcus Holzer, ricetta dolce presentata oggi, 16 marzo 2016, durante la puntata de La prova del cuoco.

Ingredienti: Per l’impasto: 200 g burro, 100 g zucchero, 300 g farina, 1 uovo, 1 tuorlo, scorza grattugiata di un limone; Per il ripieno: 600 g pere pelate e tagliate a dadini, 40 g zucchero, 20 ml rum, 30 g pangrattato, 20 g fave di cacao, cannella in polvere, succo di un limone; Per la salsa: 200 ml latte, 50 g zucchero, 1 bacca di vaniglia, 2 tuorli, 10 g amido di mais, 50 ml panna montata.

Procedimento: mettiamo il burro in una planetaria o in una ciotola e poi lo mescoliamo allo zucchero e alla scorza grattugiata di limone. Uniamo anche le uova e la farina, compattiamo per bene il panetto e lo lasciamo riposare in frigorifero. Dopodiché, stendiamo la pasta e ricaviamo un rettangolo. Passiamo alla realizzazione del ripieno, irroriamo le pere mondate e tagliate a dadini con il succo di limone, uniamo anche lo zucchero di canna, il pangrattato, il rum, la cannella, le fave di cacao sbriciolate, mescoliamo il tutto e lasciamo poi a riposo. Il ripieno lo mettiamo al centro del rettangolo di pasta che richiudiamo, dandogli la forma dello strudel. Spennelliamo con uovo sbattuto e inforniamo a 180° per 30 minuti. Passiamo alla realizzazione della salsa, mettiamo il latte con parte dello zucchero e la stecca di vaniglia incisa in un pentolino. Nel frattempo lavoriamo i tuorli con lo zucchero avanzato e l’amido, stemperiamo con il latte caldo e rimettiamo sul fuoco. Facciamo addensare. Quando sarà tiepida la metteremo insieme alla panna semimontata. Il nostro strudel sarà pronto per essere degustato con la salsa sopra.

la prova del cuoco

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: colombine salate

Riforma pensioni 2016 I sindacati chiedono flessibilità con pensione a 62 anni

Riforma pensioni 2016 ultime novità: pensione anticipata, flessibilità, per Domenico Proietti le risorse ci sono