in

La situazione delle energie rinnovabili in Italia

In Italia, infatti, su 279.828 GWh (GigaWatt/ora) di energia elettrica prodotta in un anno, il 43,1% deriva da fonti rinnovabili. Con “fonti rinnovabili” si intendono solare, eolica, idraulica, geotermica e bioenergie. I dati provengono dall’infografica “L’Italia delle energie rinnovabili” consultabile qui sotto, realizzata da Slamp Illuminazione, azienda che produce lampade di design.

Tra le varie fonti energetiche rinnovabili sfruttate in Italia, quella più diffusa è sicuramente la solare. Su oltre 650.000 impianti presenti su tutto il territorio, infatti, per il 98,8% si tratta di impianti fotovoltaici. Dopotutto è una conseguenza logica, considerando il clima del Bel Paese.

Per quanto riguarda la tendenza rispetto agli anni passati, il trend è in crescita e la produzione di energia da fonti rinnovabili cresce ogni anno dell’8% circa. Sebbene gli impianti siano diffusi su tutto il territorio, però, alcune Regioni producono molta più energia rispetto ad altre. Ma quali sono le Regioni che producono di più e quelle che producono meno?

Per scoprirlo basta navigare virtualmente la Mappa delle Energie Rinnovabili in Italia, realizzata sempre da Slamp. Si tratta di una classifica delle Regioni più e meno produttive ed è possibile consultare i dati relativi a ogni singola fonte rinnovabile. Potete anche scoprire il numero di impianti presenti in una data Regione.

Ad esempio, la Regione che produce più energia da fonti rinnovabili è la Lombardia con 19.919 GWh prodotti da 85.441 impianti. La meno produttiva, invece, è la Liguria che, con solo 5.795 impianti ha prodotto 689,2 GWh di energia.

Sebbene ci siano alti e bassi e il progresso vada avanti a rilento, questi dati fanno ben sperare per un futuro più green e un mondo meno inquinato. Che il rinnovo continui!

infografica-energie-rinnovabili

Fiorentina-Sampdoria highlights Bernardeschi gol

Chievo-Fiorentina probabili formazioni e ultimi aggiornamenti Serie A

pensioni news esodati

Pensioni 2017 news ottava salvaguardia esodati: proroga termini decorrenza