in ,

La situazione in Egitto: cosa sta succedendo dopo la deposizione di Morsi (video)

L’Egitto vive ore di grande tensione dopo la deposizione del Presidente Mohamed Morsi da parte dell’Esercito, avvenuta nel pomeriggio di ieri. Nel grande paese arabo sono sospese le garanzie costituzionali, mentre sarà la Corte Costituzionale stessa, investita dai vertici militari, a decidere come e quando si terranno nuove elezioni.

Si è consumato di fatto un golpe, anche se può essere considerato “soft”. Nella notte al Cairo, in piazza Tahrir, ci sono state manifestazioni di entusiasmo per la dipartita di Morsi, dopo un braccio di ferro con l’opposizione durato mesi. Ma tra ieri e oggi si sono anche consumati violenti scontri e le forze di polizia coadiuvate dall’Esercito hanno arrestato numerosi esponenti dei Fratelli Musulmani, il partito del Presidente Morsi, gli sconfitti di questo nuovo tormentato corso nell’Egitto del dopo-Mubarak.

Mohamed Morsi

I manifestanti in piazza Tahrir,
già teatro della “primavera” che fece cadere il regime di Mubarak, hanno urlato slogan contro l’ormai ex Presidente e ne hanno gridati altri a favore del generale Abdul Fatah Khalil Al-Sisi, capo delle forze armate egiziane. Ma nella stessa capitale i sostenitori di Morsi hanno ingaggiato violenti scontri con le forze dell’ordine, scontri che hanno causato almeno 50 feriti. Tutto questo mentre i militari “spegnevano” i canali televisivi pubblici egiziani.

Secondo l’agenzia di stampa Mena, almeno 8 persone sarebbero morte a Marsa Matrouh, città portuale nel nord del paese. Altre 3 persone sarebbero rimaste uccise invece negli scontri ad Alessandria. La situazione ora sembra esser più calma, ma per la sera sono attese nuove manifestazione dei sostenitori del presidente deposto.

Morsi era stato eletto Presidente nel giugno 2012 nelle prime elezioni libere dopo la fine del regime di Hosni Mubarak, con il successo dei Fratelli Musulmani. Nel lungo braccio di ferro di questi mesi, però, il partito vincente nelle prime elezioni democratiche egiziane è rimasto sempre più isolato: anche i leader delle altre confessioni religiose hanno sostenuto le proteste di piazza contro Morsi.

Intanto il neo presidente della Corte Costituzionale, Adli Mansour, ha giurato come capo di Stato ad interim nell’ambito del processo di transizione definito dall’esercito, mentre l’ex Presidente Morsi è, di fatto, agli arresti presso una struttura militare.

Il video delle manifestazioni di ieri sera al Cairo, piazza Tahrir

marco carta muscoli

Marco Carta tutto muscoli ed abbronzatura per un nuovo look estivo

Robbie Williams

Robbie Williams e il suo movimentato concerto al Wembley, rissa (Video)