in

La Spice, la droga degli zombie piace agli italiani: simile alla marijuana, ma effetti peggiori

E’ arrivata anche sul mercato italiano La Spice, la droga sintetica simile alla marijuana. Si tratta di un mix di erbe i cui effetti ricordano quelli della cannabis, ma le conseguenze sulla salute sono di gran lunga peggiori. E’ un prodotto costruito in laboratorio e già in questo si differenzia con la marijuana, una pianta che nasce in natura. La Spice si può confondere facilmente con la cannabis per questo è necessario prestare molto attenzione. Questo tipo di sostanza viene chiamata anche “la droga degli zombie”: nei mesi scorsi infatti sono stati pubblicati online video di persone sotto l’effetto di questa droga che sembrano dei veri e proprio morti viventi.

la spice droga

La Spice: che cos’è e come si usa

La Spice è solo uno dei nomi associati a questo tipo di droga, ma anche chiamata in altri modi la sostanza non cambia. Si tratta di un mix di erbe che vengono essiccate e al quale vengono aggiunte sostanze chimiche che la rendono, di fatti, una droga sintetica. I consumatori più accaniti della Spice sono i ragazzi più giovani. Può essere fumata, aggiunta alla marijuana o bevuta come fosse un infuso di tè. Insomma, anche nella fruizione è simile alla cannabis. Ma per quanto possa sembrare una ‘semplice canna’ in realtà la Spice ha effetti non del tutto identici a quelli della marijuana. In generale provoca un senso di rilassamento e alterazione della percezioni. L’aggiunta di sostanze chimiche però è ciò che la rende diversa: la Spice lega con i recettori con cui lega il THC, ma in maniera più forte provocando un’esperienza più potente che può avere conseguenze imprevedibili.

la spice droga

Perché è pericolosa

Le conseguenze peggiori del consumo di Spice riguardano la comparsa di battito accelerato, vomito, agitazione, confusione e allucinazioni, ma anche pressione alta, ischemia e, nei casi più gravi, attacco di cuore. Come abbiamo già accennato all’inizio, questo tipo di droga riduci le persone in veri e propri zombie. Secondo lo studio ‘Espad Italia’ dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ifc-Cnr), i giovani del nostro Paese sono grandi fan della Spice, che si piazza comunque in seconda posizione: alla numero uno c’è la cannabis.

Giappone tifone Hagibis, il bilancio si aggrava: almeno 10 morti, 130 i feriti

Andrea Preti e Asia Argento, flirt smentito duramente: «Giornale becero, cosa non si fa per vendere»