in ,

La Vita è bella film: il capolavoro di Roberto Benigni per il Giorno della Memoria (TRAILER)

La Vita è bella film: il ricordo nel Giorno della Memoria

Venti anni. Tanto è trascorso dall’uscita de La Vita è Bella, il capolavoro di Roberto Benigni che ha stregato la critica internazionale. Dedicato all’olocausto, la pellicola cinematografica è stata realizzata nel 1997 ed è ancora oggi uno dei film più ricercati il 27 gennaio 2017 per l’anniversario del Giorno della Memoria.

È considerato il capolavoro del regista e attore Roberto Benigni, il film rappresenta una delle più celebri opere incentrate sullo scottante tema dell’Olocausto: in questo caso la storia viene esorcizzata ponendo l’attenzione sull’effetto che essa può avere su un bambino. La vita è bella si inoltra all’interno del delicato contesto storico trattato in una declinazione differente da alcune pellicole di soggetto simile precedenti come Schindler’s List e successive come Il pianista.

—-> GIORNO DELLA MEMORIA: 5 FILM PER NON DIMENTICARE

La Vita è bella film: ecco la trama

Alla fine degli anni Trenta due simpatici giovanotti lasciano la campagna per approdare, pieni di speranze e dall’allegria, in una bella e grande città. Guido è il più vivace dei due. Vuole aprire una libreria nel centro storico. L’altro, Ferruccio, smarrito e poetico, fa il tappezziere, ma si diletta a scrivere versi comici e irriverenti. In attesa che le loro speranze si realizzino, il primo trova un lavoro come cameriere al Grand hotel e il secondo s’arrangia facendo il commesso in un piccolo negozio di stoffe.

La Vita è Bella

La città offre ai due giocosi amici mille occasioni di entusiasmo e d’avventure. Guido s’innamora di una maestrina repressa da un ambiente che vive di buone maniere e di conformismo, Dora, che però ha dentro di sé tanta voglia di lasciarsi andare, di vivere pienamente la sua età.

Conquistare la giovane maestra è come scalare una montagna e Guido ci prova escogitando l’impossibile. Le appare continuamente davanti, all’improvviso, si traveste da istruttore di scuola, la rapisce con la Balilla, la incanta con i suoi trucchi furbissimi. Ma Dora non prende sul serio la passione di Guido, anche perché ha il cuore occupato da un segreto: è promessa sposa di un vecchio compagno di scuola.

la-vita-e-bella-foto

—> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA

La Vita è Bella: il cast del capolavoro italiano

Chi prese parte a La vita è bella, il capolavoro realizzato da Roberto Benigni? Ecco il cast:

  • Roberto Benigni: Guido Orefice
  • Nicoletta Braschi: Dora
  • Giorgio Cantarini: Giosuè Orefice
  • Marisa Paredes: madre di Dora
  • Horst Buchholz: dottor Lessing
  • Giustino Durano: Eliseo Orefice
  • Sergio Bustric: Ferruccio Papini
  • Lydia Alfonsi: signora Guicciardini
  • Giuliana Lojodice: direttrice
  • Amerigo Fontani: Rodolfo
  • Pietro De Silva: Bartolomeo
  • Francesco Guzzo: Vittorio
  • Raffaella Lebboroni: Elena

—> LE CANZONI PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA 2017

La Vita è Bella: Roberto Benigni e il suo ‘Buongiorno Principessa’

Tra le frasi celebri de La Vita è bella un cult è il Buongiorno Principessa di Roberto Benigni. La stessa frase è una delle tracce del film Premio Oscar italiano. Inoltre, la colonna sonora del film ‘La Vita è bella’ è stata realizzata dallo stesso Niccolò Piovani che vinse l’Oscar nel 1999.

la-vita-e-bella

La Vita è Bella incassi: cifre record

Il film è il quinto maggiore incasso di sempre tra i film visti in Italia con circa 31 milioni di euro, e la pellicola italiana con il maggior incasso della storia avendo incassato oltre 229.200.000 di dollari in tutto il mondo, a fronte di un costo di 15 miliardi di lire. Inoltre è il secondo in graduatoria fra i film non di lingua inglese più visti negli USA dopo la pellicola taiwanese La tigre e il dragone. Il film, nel 1997 fu, fino al 2001, il più grande incasso di sempre per un film non prodotto in America.

La Vita è Bella riconoscimenti: i maggiori premi conquistati

  • 1999 – Premio Oscar
    • Miglior film straniero (Italia) a Roberto Benigni
    • Miglior attore protagonista a Roberto Benigni
    • Miglior colonna sonora a Nicola Piovani
    • Nomination Miglior film a Roberto Benigni, Elda Ferri e Gianluigi Braschi
    • Nomination Migliore regia a Roberto Benigni
    • Nomination Migliore sceneggiatura originale a Roberto Benigni e Vincenzo Cerami
    • Nomination Miglior montaggio a Simona Paggi
  • 1999 – Premio BAFTA
    • Miglior attore protagonista a Roberto Benigni
    • Nomination Miglior film straniero (Italia)
    • Nomination Migliore sceneggiatura originale a Roberto Benigni e Vincenzo Cerami
  • 1999 – Screen Actors Guild Award
    • Miglior attore protagonista a Roberto Benigni
    • Nomination Miglior cast
  • 1998 – Festival di Cannes
    • Grand Prix Speciale della Giuria a Roberto Benigni
    • Nomination Palma d’oro a Roberto Benigni
  • 1998 – David di Donatello
    • Miglior film a Roberto Benigni, Elda Ferri e Gianluigi Braschi
    • Miglior regia a Roberto Benigni
    • Miglior attore protagonista a Roberto Benigni
    • Migliore sceneggiatura a Roberto Benigni e Vincenzo Cerami
    • Miglior produttore a Elda Ferri e Gianluigi Braschi
    • Migliore scenografia a Danilo Donati
    • Migliore fotografia a Tonino Delli Colli
    • Migliori costumi a Danilo Donati
    • David Scuola a Roberto Benigni
    • Nomination Miglior attore non protagonista a Sergio Bustric
    • Nomination Miglior montaggio a Simona Paggi
    • Nomination Miglior sonoro a Tullio Morganti
    • Nomination Miglior colonna sonora a Nicola Piovani
  • 1998 – Nastro d’argento
    • Regista del miglior film a Roberto Benigni
    • Miglior attore protagonista a Roberto Benigni
    • Miglior attore non protagonista a Giustino Durano
    • Migliore sceneggiatura a Roberto Benigni e Vincenzo Cerami
    • Miglior soggetto a Roberto Benigni e Vincenzo Cerami
    • Nomination Migliore colonna sonora a Nicola Piovani

Calciomercato Roma, Donsah e Kessié obiettivi per il centrocampo, Defrel per l’attacco

Alessia Cammarota Uomini e Donne news

Aldo Palmeri e Alessia Cammarota stanno ancora insieme? Una frase manda in crisi i fan