in

“L’Allieva 2”, Giselda Volodi la terribile «Wally» rivela: «Non tutti sanno che sono la sorella di Margareth Mazzantini!»

Sullo schermo Giselda Volodi ha interpretato la terribile Wally, la dott.ssa Valeria Boschi, che costantemente ha messo a dura prova la povera specializzanda Alice Allevi nella fiction di successo L’allieva 2, di cui è stata trasmessa ieri la sesta e ultima puntata.

leggi anche l’articolo —> “L’Allieva 3” ci sarà? Anticipazioni, indiscrezioni e la richiesta speciale di Alessandra Mastronardi

Giselda Volodi è un nome d’arte, di cognome, infatti, fa Mazzantini ed è la sorella della famosa scrittrice Margaret, figlia dell’intellettuale Carlo e della pittrice irlandese Anne Donnelly, la coppia famosa anche per aver avuto una vita incredibile: i due si sono incontrati a Parigi, poi sono andati a vivere in Spagna, in Marocco (Giselda è nata a Tangeri), in Irlanda e poi in Italia. La passione per la recitazione arriva soltanto quando Giselda Volodi ha 29 anni: «Prima ho fatto tutt’altro – ha raccontato l’attrice – Ho fatto la contadina. Io e le mie tre sorelle, Margaret, Moira e Cristina, vivevamo in campagna. Noi lavoravamo l’orto, raccoglievamo le olive. Mio padre avrebbe voluto dei maschi e quindi ci vestiva da maschiacci: capelli corti, pantaloni, magliette a righe. Portavo certi stivaloni larghi, con le mie gambine esili che ci ballavano dentro. Poi, grazie al fatto che sono mezza irlandese, a 19 anni ho insegnato inglese e intanto mi sono iscritta ad Architettura, perché disegnavo bene. Animali soprattutto, i miei gatti. Dovrei avere ancora da qualche parte a casa dei bozzetti. Per un po’ di tempo ho lavorato in diversi studi di architetti, ma non era quella la mia strada.» Difatti, Giselda Volodi è portata per il cinema e il suo è un curriculum ricco: “Ocean’s twelve” di Steven Soderbergh, “Miracolo a Sant’Anna”, il film ispirato all’eccidio di Sant’Anna di Stazzema del 1944, “Le conseguenze dell’amore” di Paolo Sorrentino, “Pane e tulipani” di Silvio Soldini, “Viola di mare” di Donatella Maiorca, girato a Favignana. Quando le chiedono quale sia il personaggio da lei interpretato che più ha amato, Giselda Volodi non ha dubbi: «Il mio ruolo migliore è quello di Loredana, la moglie di Nicola di “È stato il figlio”, bellissimo film drammatico di Daniele Ciprì!».

La popolarità è arrivata però grazie a L’allieva, dove recita la parte della perfida Wally: «È una cattiva esagerata, sempre sopra le righe. Mi diverto tantissimo a interpretarla. – ha raccontato in un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni l’attrice – Sa, sono insegnante anch’io. Non di Medicina legale, ovvio, ma di recitazione. Vivo fuori Roma, a Monterotondo, e ho una scuola mia che si chiama “Avamposti umani”. Ho allievi di tutti i tipi e tutte le età. Non riesco ad abituarmi. L’altro giorno i bambini di una scolaresca mi hanno chiesto di firmare autografi sui fogliettini di carta strappati dai loro diari. Faccio breccia pure nel cuore delle maestre e la trovo una cosa molto tenera. Le prof di Latino e Greco dei miei figli adorano Lino Guanciale!».

La curiosità naturalmente è legata al cognome Volodi. Perché lasciarsi alle spalle Mazzantini? A spiegarlo è stata la stessa attrice: «Mazzantini era impegnativo, io ho sempre avuto uno spiccato desiderio di libertà. Dovevo avere il terreno sgombro. Volodi viene da Volodja, un personaggio del libro “Il racconto di Sonecka” della scrittrice russa Marina Cvetaeva. È un attore che smette di recitare per inseguire gli ideali di libertà e che va in guerra in Sudamerica. Mi piace anche che Volodi contenga la parola volo. Si addice al mio profilo “volatile”, al naso aquilino».

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Morto Sandro Mayer: il giornalista e opinionista TV si è spento all’Ospedale Fatebenefratelli di Roma

Terence Hill età, altezza, peso, vita privata e carriera: tutte le informazioni sul “Don Matteo” televisivo