in

Lampedusa, naufragio migranti al largo delle coste: due morti

Ancora un naufragio al largo delle coste di Lampedusa: in nottata, a poche miglia dall’isola, un barchino con a bordo 50 migranti si è ribaltato, con conseguenze tragiche per alcuni di loro. Giunte sul posto, le motovedette della Guardia costiera e della Guardia di Finanza stanno lavorando per le operazioni di recupero, mettendo in salvo – finora – ventidue superstiti, e rinvenendo i cadaveri di due donne. I sopravvissuti al naufragio di questa notte, lunedì 7 ottobre, sono stati già trasferiti in porto. Secondo una prima ricostruzione, il barchino con a bordo i migranti si sarebbe ribaltato quando – giunte le motovedette della Guardia costiera per procedere al trasbordo –  le 50 persone presenti si sarebbero spostate tutte da un lato e, complice il mare mosso, si sarebbero capovolti.

Lampedusa naufragio migranti: ancora in atto le ricerche, anche bambini tra i dispersi

Mentre sono ancora in corso le ricerche dei dispersi con l’impiego di unità aeronavali della Guardia Costiera e una motovedetta della Guardia di Finanza, si apprende che tra essi ci sarebbero anche otto bambini: questo secondo quanto riferito dai sopravvissuti al naufragio agli uomini della Guardia costiera e della Guardia di Finanza, sul luogo per i soccorsi. I migranti a bordo dell’imbarcazione ribaltata a Lampedusa, erano per la maggior parte tunisini e subsahariani.

(Immagini di repertorio)

Leggi anche —> Il Santo del giorno 7 ottobre: Madonna del Rosario

Il Santo del giorno 7 ottobre: Madonna del Rosario

Lucca, ex calciatore muore nel sonno: comunità sotto choc, aveva solo 24 anni