in ,

L’Aquila, 6 Aprile 2015: cosa è cambiato a sei anni dal terremoto del 2009?

Oggi, 6 Aprile 2015, sono passati 6 lunghissimi anni dal terremoto del 2009, quel terremoto che nella notte cambiò completamente la città dell’Aquila ed i suoi abitanti; 10.606 vivono nel Progetto Case mentre sono 2.284 quelle che dimorano ancora nei Map. Cosa è cambiato durante questo periodo? Come sta procedendo la ricostruzione della città e dei suoi edifici storici seriamente danneggiati? Nel giorno dedicato al ricordo di quello che accadde e soprattutto delle 309 vittime, sfortunatamente trovano ancora spazio parecchie polemiche. Dalla rabbia dei cittadini dell’Aquila per il verdetto di assoluzione del 10 novembre 2014 da parte della Corte d’Appello per 6 dei componenti della commissione Grandi Rischi che in primo grado erano stati, invece, condannati a 6 anni di carcere, alla sfiducia nelle istituzioni che paiono avere i soldi per la ricostruzione, ma che tengono molte cose in sospeso per via di una burocrazia sempre più opprimente ed in grado di rallentare tutto.

A destare parecchio scalpore, dopo l’assoluzione, sono però, le lettere giunte ai parenti delle vittime da parte dello Stato nelle vesti della Protezione civile; lettere in cui si chiede ai parenti delle vittime che si erano costituiti parte civile di restituire il denaro dei risarcimenti che ammonta a circa 7,8 milioni di euro. Soldi che le famiglie hanno usato per ricostruire, dove possibile, le loro vite e che sono serviti, magari, per pagare nuovi affitti, ricostruire o spostarsi dalla propria città ed andare a vivere altrove.

In attesa del ricorso in Cassazione, un ricorso presentato lo scorso 13 marzo, contro l’assoluzione dei sei componenti della commissione Grandi rischi, rimane in essere il processo, parallelo a quello principale, a Guido Bertolaso, l’ex capo del dipartimento di Protezione Civile indagato con le accuse di omicidio colposo e lesioni colpose. Per la terza volta, infatti, gli avvocati delle famiglie delle vittime si sono opposte alla richiesta di archiviazione.

Quali manifestazioni sono state organizzate? Nella notte del giorno di Pasqua, dalle 22:30 un corteo dei familiari delle vittime, a cui si sono aggiunti familiari e rappresentanti di altre grandi tragedie, come i parenti delle vittime del terremoto di San Giuliano e non solo, è partito dal vecchio tribunale e ha sfilato davanti alla Casa dello studente ed altri luoghi simbolo del terremoto del 2009 per una nuova protesta silenziosa. Sempre dalla serata del 5 Aprile, che quest’anno è coincisa con la serata del giorno di Pasqua, per tutto il 6 Aprile 2015, in occasione del sesto anniversario del terremoto dell’Aquila, l’Associazione Radioamatori Italiani ha attivato, grazie allo speciale nominativo IQ6RS/P assegnato dal ministero delle telecomunicazioni, una stazione radioamatoriale all’interno del centro storico all’Aquila. Per oggi, 6 Aprile 2015, infine, il sindaco Massimo Cialente, ha proclamato il lutto cittadino in segno di rispetto al dolore dei suoi cittadini e di tutte le famiglie delle 309 vittime.

superlega volley risultati

Regular Season SuperLega Volley A1 maschile, risultati e classifica finale

Un Posto al Sole anticipazioni

Un Posto al Sole anticipazioni 6-8 Aprile 2015: Angela esce con Leonardo