in ,

L’Aquila, la grande fiaccolata in memoria delle vittime del terremoto

Una grande fiaccolata di circa 12mila persone ha attraversato in nottata la città dell’Aquila, in ricordo delle vittime del terremoto avvenuto esattamente sei anni fa, nella notte tra il 5 e il 6 aprile 2009. Il corteo silenzioso è partito dalla sede del vecchio Tribunale, passando per la Casa dello studente, luogo simbolo della tragedia, fino ad arrivare alla piazza del Duomo, dove si è tenuta una veglia fino alle 3,32, l’ora della violenta scossa.

309 rintocchi sono stati scanditi insieme al nome delle vittime, dopo la Messa celebrata dal arcivescovo della città Giuseppe Petrocchi. Alla testa del corteo un gruppo di parenti delle vittime hanno sfilato con indosso la maglia riportante la scritta “6 aprile 2009- il fatto non sussiste”, in riferimento alla sentenza di assoluzione nei confronti della Commissione grandi rischi.

Molti i rappresentanti delle Istituzioni, tra i quali Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, il Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, le Senatrici Pezzopane e Blundo, insieme a molti amministratori locali abruzzesi. Il sindaco Cialente ha proclamato il lutto cittadino per la giornata di oggi, in memoria dei 309 aquilani scomparsi durante il sisma.

Torino calciomercato

Torino ultimissime: in lotta per l’Europa anche senza Cerci e Immobile

Utrecht Eredivisie Olanda

Olanda, Eredivisie: l’Utrecht gioca in 12 ma l’arbitro non se ne accorge