in

Laura Pausini ospite d’onore al concerto di Biagio Antonacci del 31 maggio a San Siro

Laura Pausini sarà ospite d’eccezione di PALCO ANTONACCI, l’evento live di sabato 31 maggio allo Stadio San Siro di Milano.  L’amicizia tra i due cantanti ha già dato vita ad una collaborazione storica e questa nuova esperienza condivisa ne rappresenta l’ennesimo atto.

laura pausini biagio antonacci san siro

Antonacci ha infatti scritto per la Pausini successi internazionali come Tra te e il mare e Vivimi, brano grazie a cui la Pausini ha vinto nel 2006 il Grammy Awards confermando la sua straordinaria carriera internazionale, e che ha fruttato al cantante il Premio ASCAP 2006 “American Society of Composers, Authors & Publishers” (Società Americana dei Compositori, Autori ed Editori), poi seguito dal Latin Music Awards per il brano VIVEME, come “MIGLIOR POP/BALLAD SONG” e “MIGLIOR SIGLA DI SOAP OPERA (“ La Madrastra ”).

Il cantante contraccambierà partecipando ai concerti della Pausini che si terranno a Miami e New York. I due intanto si mandano complimenti attraverso dichiarazioni varie: “Biagio è un diamante della musica cantautorale italiana. – dice la Pausini – Per me è un vero amico ed è sempre un piacere poter condividere il palco con lui: essere a San Siro con lui per questa grande festa mi fa molto piacere“. Antonacci risponde affermando che “Quando canto con Laura mi sento a casa e visto che ciò accadrà in America maggiormente sentirò questa  magia! La sua voce è libera e ispira le parole che navigano al buio nei meandri delle voci. Questa sirena di nome Laura ha il dono di donare a noi un canto che si alza oltre ogni canto. Sarà bello averti sul mio palco, nella mia festa a Milano. Tu protagonista e mai ospite, sarai la voce, io sarò le tue parole, quelle che con la mia musica entreranno nell’anima di chi ci ascolterà!

Seguici sul nostro canale Telegram

iene mediaset

Anticipazioni Iene Show 5 febbraio, impiegati assenteisti al Comune di Roma

processo mediaset berlusconi

Il Senato non si costituirà parte civile nel processo contro Silvio Berlusconi?