in ,

Laura Stuardo caduta da nave crociera: “Non è stato il mio compagno”

Laura Stuardo, la 53enne torinese precipitata dalla nave da crociera Costa Fortuna il 20 luglio scorso, davanti al porto di Flam, in Norvegia, si è risvegliata dal coma e, dimessa dall’ospedale, ha intrapreso un percorso di riabilitazione. Ha ripreso coscienza e padronanza di sé e dichiara di non poter minimamente ipotizzare che a spingerla giù in mare, facendole fare un volo di 35 metri, possa essere stato il suo attuale compagno, Giovanni Pia.

“Non posso credere che Gianni mi abbia fatto qualcosa di male. Non ricordo nulla della caduta, ma sono ancora innamoratissima di lui. Era qui fino a mezz’ora fa” – queste le parole della donna, viva per miracolo – “In questi mesi sono state scritte un sacco di falsità, non ho mai detto di non volerlo più vedere …”.

Nega tuttavia di avere mai pensato o tentato il suicidio, la funzionaria della banca Intesa Sanpaolo di Torino, e ammette di non ricordare più niente degli attimi che hanno preceduto la sua caduta in mare: “La mia memoria si ferma al giorno precedente, quando ero sul ponte a fotografare le cascate”, queste le sue parole in un’intervista rilasciata a Repubblica, “Poi il buio: il resto me l’hanno raccontato. Per esempio, che quella mattina sono andata dal parrucchiere è un episodio che ho scoperto dal mio compagno”.

A ritenere l’uomo coinvolto nella vicenda, invece, gli inquirenti italiani, che hanno aperto un fascicolo di inchiesta per far luce sul caso e verificare eventuali responsabilità del signor Pia.

Pensioni 2017 ape sociale e Quota 41 alla Corte dei Conti Giuliano Poletti ministro del Lavoro

Riforma pensioni 2016 ultime novità: su flessibilità, pensioni anticipate e part time, Quota 100 e precoci

Anticipazioni Grande Fratello 14 ottava puntata: il fidanzato di Jessica nella casa