in

Lazio Calcio, il futuro è nelle mani dei giovani

Un progetto stile cantera che sta fruttando alla società della Lazio tantissimi giovani promettenti. La Primavera della Lazio ha vinto prima lo scudetto, dominando nel campionato e nei play off, l’anno scorso ha vinto la Coppa Italia e ieri ha alzato il terzo trofeo consecutivo, la Supercoppa Italiana battendo il Chievo per 0-1. Il futuro è già scritto ed è nelle mani dei giovani biancocelesti che man mano saranno inseriti in prima squadra e faranno il proprio esordio in Serie A.

oikonomidis lazio

Nel giro di pochi anni la Lazio è riuscita a sfornare talenti fra i più forti nel panorama calcistico italiano. Alcuni già sono in prima squadra come Keita, acquistato proprio dalla cantera del Barcellona, al suo secondo anno in Serie A, e Cataldi, altro talento delle giovanili laziali, che quest’anno ancora deve esordire nel campionato italiano a causa di un infortunio. Un altro calciatore che ha già esordito in Serie A è Tounkara, l’attaccante che ieri è stato uno dei migliori contro il Chievo, decisivo il suo assist per il gol della vittoria. L’altro talento, che presto sarà aggregato alla prima squadra è Oikonomidis, l’autore del gol decisivo in Supercoppa.

Tutti questi giovani sono guidati da un allenatore, Simone Inzaghi,  che da poco si è seduto sulla sua prima panchina, ma ha già vinto due trofei, la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana. L’ex attaccante della Lazio, nonché fratello di Pippo, è riuscito a dare in poco tempo un’identità alla squadra e i risultati stanno arrivando. Il futuro della Lazio è giovane.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Giovanni Gastel: la fotografia racchiusa in un Momentum

ucraina croce rossa italiana svizzero

Ucraina, ucciso operatore della Croce Rossa italiana