in

Le cartelle Equitalia sotto i 300 euro devono essere pagate?

Erroneamente da un po’ di tempo circolano in rete notizie relative alla sanatoria delle cartelle Equitalia d’importo inferiore a 300 euro. In realtà le cose sono un po’ diverse: vediamo perché.

Come funziona la riscossione
Gli enti locali e statali affidano a Equitalia le posizione debitorie per le quali avviare le azioni per recuperare il credito. Quando accade questo in realtà l’agente di riscossione contrae un debito nei confronti dell’ente. Esempio: Mario Rossi deve 300 euro al Comune di T.; Il Comune di T. trasmette i 300 euro da riscuotere ad Equitalia; Mario Rossi deve 300 ad Equitalia ed Equitalia deve 300 al Comune di T.

Per questo lavoro Equitalia viene pagata con una percentuale sul riscosso che si chiama aggio. Equitalia ha l’obbligo di comunicare le azioni che sono svolte sul contribuente al fine di recuperare le somme dovute. Questa comunicazione che si chiama “Stato della Riscossione” viene trasmessa all’ente che verifica la correttezza e analizza gli adempimenti messi in campo da Equitalia. Se tutto si è svolto regolarmente, allora l’ente discarica Equitalia dalle somme prese in carico e la situazione risulta la seguente: Mario Rossi deve 300 euro al Comune di T. Se invece ci sono anomalie, l’ente ha il diritto a recuperare quella somma addirittura da Equitalia.

Cartelle sotto i 300 euro e Legge di stabilità 2015
Le legge di stabilità 2015 elimina di fatto il controllo per le cartelle inferiori ai 300 euro per le quali Equitalia ha dichiarato di aver svolte tutte le azioni senza riuscire ad incassare. In questo caso l’ente creditore può decidere di procedere autonomamente alla riscossione di quelle partite o lasciare decadere l’azione di riscossione.
Questa legge sancisce l’antieconomicità della riscossione per piccole cartelle ma soprattutto apre dei buchi nei bilanci degli enti che fino a questo momento potevano contare sul recupero della somma in caso di errori dell’agente di riscossione.
Legge quindi che sana non tanto le cartelle che erano già di quote inesigibili ma le potenziali anomalie su tutte le piccole cartelle commesse da Equitalia. Sanatoria si dunque ma… di Equitalia!

Carmine Di Filippo
Dottore Commercialista
Revisore contabile
Consulente per la riscossione degli enti locali

 

Invia il tuo quesito a “Il tuo Commercialista”, scrivi a: iltuocommercialista@urbanpost.it

Seguici sul nostro canale Telegram

note 5

Samsung Galaxy Note 5 Samsung Galaxy S6 Plus data d’uscita news: Evan Blass rivela le caratteristiche dei nuovi smartphone

Nanni Moretti intervista, Molise Cinema Festival

Molise Cinema Festival, intervista Nanni Moretti :”Troppi pregiudizi verso film italiani”