in ,

Le foto di Max Gazzè in concerto a Milano, venerdì 19 luglio 2013

Il “Sotto Casa Tour” è passato ieri sera da Milano, per la precisione a Sesto San Giovanni presso il Carroponte. Max Gazzè torna dunque in città a distanza di pochi giorni dalla serata in cui è stato ospite al Festival di Villa Arconati in occasione del concerto dell’amico di vecchia data Daniele Silvestri.
Una tournée speciale e molto curata quella del cantautore romano che, per l’occasione, ha affidato il nuovo impianto scenografico alle mani del regista Duccio Forzano.

L’apertura dello show meneghino, mentre il pubblico comincia ad affollare il Carroponte, è affidata alle Iotatola, ovvero alla palermitane Serena Ganci e Simona Norato, la cui carriera, iniziata nel 2010, è passata anche da “Parla con me” di Serena Dandini. La loro è un’esibizione molto apprezzata; affiancate da un maestro qual è Maurizio Filardo propongono sonorità interessanti oltre che testi curati.

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©002

Verso le 22 è la volta di Max Gazzè; l’artista romano è visibilmente emozionato e in chiusura del primo brano ringrazia il numerosissimo pubblico ed esprime grande apprezzamento per il Carroponte, sicuramente il miglior luogo dove ascoltare musica dal vivo nella stagione estiva meneghina.
In scaletta vi sono alcuni brani dell’ultimo album ma molte sono anche le canzoni più vecchie di Gazzè. Ballatissime e apprezzate La favola di Adamo e Eva, Una musica può fare, canzoni divenute ormai di diritto veri evergreen.
Sul palco del Carroponte salgono anche alcuni ospiti: Dedo ai fiati, il Quartetto Euphoria, ovvero Marina Fumarola e Suvi Valjus al violino, Hildegard Kuen alla viola e Michela Munari al violoncello e, sorpresa nella sorpresa, la P-Funking Band, un gruppo di giovani e bravi musicisti.
Alle 24 in punto il concerto si chiude; una splendida serata, moltissimi i presenti ad ascoltare uno dei migliori cantautori italiani nonché eccellente bassista.

Fotografie di Pier Luigi Balzarini

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©003

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©004

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©005

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©006

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©007

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©008

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©009

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©010

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©011

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©012

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©013

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©014

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©015

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©016

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©017

MaxGazzèPierLuigiBalzarini©018

Barcellona

Barcellona: dopo l’abbandono forzato di Tito Vilanova si cercano nuove soluzioni

costantino della gherardesca

Pechino Express anticipazioni: Massimo Ciavarro, Massimiliano Rosolino e I Cesaroni