in

Le Iene, Giulio Golia racconta la storia di Paolo e l’Alzheimer

Le Iene durante la puntata di ieri, 15 ottobre 2019, si sono occupate dell’Alzheimer. Giulio Golia ha intervistato delle persone affette da questa malattia e con un lungo video ha cercato di spiegare che cosa sia e soprattutto come può essere affrontata. Stare accanto ad un malato di Alzheimer, il quale in alcuni momenti non riesce a connettersi con la realtà e il presente, non è affatto facile. Ci vuole molta pazienza e soprattutto umanità per entrare nel loro mondo e cercare di fargli così vivere una vita normale. La iena ha raccontato la storia di molte persone, ma soprattutto quella di Paolo di 47 anni, che ha l’Alzheimer precoce.

Leggi anche –> Le Iene, intervista al pusher di Pantani: «Marco è stato ucciso»

Le Iene e il servizio sull’Alzheimer

La Iena Giulio Golia si è regata all’Alzheimer Fest per parlare di questa malattia. Una malattia con la quale moltissime persone si confrontano ogni giorno. La neuropsicologa e coordinatrice ISRAA, Silvia Vettor, nel video de Le Iene, ha dichiarato: «Il filo che collega il cervello all’occhio non riesce a funzionare bene. La persona vede bene, ma il senso di quello che vede è come se venisse distorto». Dunque si perde il contatto con il reale e così oltre a dimenticarsi le parole a volte si perde anche il loro significato. Questa malattia è molto diffusa e la Vettor ha spigato che: «Una persona su tre oltre gli 85 anni ha un decadimento di tipo cognitivo». Purtroppo per l’Alzheimer non vi è una cura specifica e così: «Si dovrebbe investire sulla cultura per capire che è solo un modo di invecchiare e che lo si può fare nonostante tutto dignitosamente».

La storia di Paolo

L’Alzheimer purtroppo è una malattia che coinvolge le persone anche molto giovani. Paolo ha solo 47 anni e già deve affrontare tutti i problemi legati a questa patologia. Paolo ha dichiarato a Giulio Golia de Le Iene: «Mi sento sempre fuori dal normale». Dunque un senso di smarrimento costante con cui convivere. L’uomo per fortuna non è solo. Sua moglie e i suoi due figli di 6 e 10 anni sono la sua ancora di salvezza. La moglie ha dichiarato: «Paolo è il mio terzo figlio e ha bisogno di più cura di loro. È una malattia che logora sia chi ce l’ha sia chi vi è attorno». I ricordi si confondono, il presente si accavalla al passato e non sempre è facile gestire la cosa, ma pazienza e amore possono rendere la vita di queste persone migliore.

Leggi anche –> Le Iene anticipazioni, stasera in onda l’omaggio a Nadia Toffa: l’ultimo progetto in un video inedito

Roma, autobus si schianta contro albero: ci sono feriti, otto ambulanze sul posto

Daniela Santanchè Instagram, fitness per tenersi in forma: «Che tutina attillata!»