in

Lea Michele sta curando ogni dettaglio del funerale del fidanzato Cory Monteith

Cory Monteith ha sempre potuto contare sulla vicinanza e il supporto di un angelo custode molto particolare: la sua fidanzata Lea Michele. Quest’ultima gli è sempre stata al fianco  in vita e fino alla sua morte prematura. Secondo il coroner della Columbia Britannica l’attore è morto per un’overdose letale di droghe diverse, eroina e alcol. Cory Monteith

Numerosi fonti vicine a Cory e Lea  hanno riferito a TMZ, celebre sito gossip statunitense, che lei si è precipitata dallo sfortunato attore, appena saputo della sua morte e, quasi subito,  si è fatta carico di pianificare ogni singola fase della sua commemorazione e persino a tutte le questioni burocratiche relative alla sua dipartita. Sempre le medesime fonti sostengono che la madre di Cory non è stata coinvolta  in nessuna di queste procedure e di tutto se ne occuperà solo ed esclusivamente Lea. Tutti sono d’accordo nel sostenere che Lea ha sempre appoggiato Cory e cercato di proteggerlo, per quanto abbia potuto, specialmente da quando si era ripreso dagli abusi di sostanze stupefacenti. Del resto lo stesso Cory era forse un po’ troppo ingenuo per un ambiente come Hollywood e si è subito messo nei pasticci in quella che, da un parente, è stata chiamata “uno zoo di pirana” e quando Lea è diventata la sua fidanzata ha cercato in tutti i modi e ben agguerrita di proteggerlo.

Quanto poi ai problemi di Cory con droghe e alcool, Lea ha fatto di tutto per seguire le leggi degli Stati Uniti cercando, per quanto è stato in suo potere, di far in modo che non ricadesse nell’errore.  Poi all’inizio di quest’anno, la drammatica ricaduta di Cory e così Lea ha preso in mano la situazione e ha direttamente costruito ogni singola fase del piano per la riabilitazione dell’attore.  Alla fine la fidanzata non ha più potuto far niente  specie quando Cory è tornato a casa sua, in Canada, e il destino ha scelto diversamente per lui.

 

anniversario morte

Anniversario Borsellino: la politica lo celebra ma la gente ricorda “Voi li avete traditi, ora non piangete”

Intervista a Franc Cinelli: tra pochi giorni il suo ultimo album