in ,

Lecco news cavalcavia, l’ex sindaco di Annone: “Una tragedia che si poteva evitare, ecco perché”

Il crollo del cavalcavia sulla SS 36 di Lecco era una tragedia ampiamente evitabile. Almeno, secondo quanto dichiarato, sul proprio profilo Facebook, da Carlo Colombo, ex primo cittadino di Annone, frazione scossa dal terribile incidente di ieri sera, 28 ottobre 2016. L’ex sindaco ha fatto battere i polpastrelli sul proprio notebook per denunciare quanto segnalato da lui stesso circa dieci anni prima e per la risposta, superficiale, da parte degli enti competenti. Carlo Colombo, su Facebook, ha così iniziato una lunga invettiva contro chi ha impedito che il ponte crollato ieri venisse demolito. Il motivo? La struttura ritenuta fin troppo fatiscente e l’idea di avere un nuovo ponte sullo stile di quello di Bosisio. “Circa 10 anni or sono, stanchi dei troppi mesi di chiusura del ponte di Annone, il sottoscritto – scrive Colombo sul suo profilo social – ed il collega di Suello Giuseppe Mauri chiedemmo un incontro all’Anas per sollecitare la risoluzione di un problema ormai insostenibile. Ci recammo a Milano e tra le soluzioni proposte, caldeggiammo la demolizione del ponte e la ricostruzione dello stesso sul modello del nuovo ponte di Bosisio.”

>>> LECCO, CROLLA IL CAVALCAVIA <<<

Quale fu la risposta da parte degli enti preposti? Carlo Colombo cerca di utilizzare un pizzico di ironia in quella che inizia a prendere la forma di una tragedia ampiamente evitabile: “Ci fu detto in modo poco simpatico – continua lo sfogo dell’ex sindaco di Annone – che non era compito nostro occuparci di queste cose e che noi, non essendo tecnici, dovevamo solo pensare a fare bene il Sindaco. Oggi ci tocca piangere vittime innocenti e feriti gravi.” La denuncia di Colombo, dopo il crollo del cavalcavia sulla SS36 in Brianza, è molto dura: “Io credo che i fatti di oggi non siano più tollerabili in un Paese che si definisce civile! Il terremoto – conclude il sindaco di Annone – purtroppo può essere definito una tragedia; il crollo del ponte invece è una pagina dolorosa che poteva (e soprattutto doveva) essere evitata! Tutta la mia solidarietà al Sindaco attuale, Patrizio Sidoti, che si trova sui (sic) malgrado in mezzo ad una vicenda in cui Annone e gli annonesi non hanno alcuna colpa!” 

>>> LE ULTIME NOTIZIE DI CRONACA CON URBANPOST<<<

L’attuale sindaco, Sidoti, ai microfoni dell’agenzia di stampa, la AdnKronos ha raccontato di come il cavalcavia fosse già stato protagonista di interventi di riparazione: “L’ultimo risale a circa 7-8 anni fa e il crollo fu causato da un camion che aveva picchiato dentro con il tetto spaccandone, così, mezza trave.” Parole pesanti quelle utilizzate dagli amministratori del lecchese, una denuncia che non può essere sottaciuta e che mette in risalto, ancora una volta, come spesso e volentieri, per costruire a basso costo, vengano utilizzati materiali non perfettamente conformi ai requisiti di sicurezza.

 

 

TERREMOTO CENTRO ITALIA

Terremoto, Casa Italia: che fine ha fatto il progetto?

Crotone-Chievo Verona probabili formazioni

Crotone – Chievo Verona probabili formazioni e ultime notizie 11a Giornata Serie A