in ,

Lega affonda su Vendola: “Gay e pedofilo”, è bufera

Che i social network a volte diano alla testa è noto. Che i politici con sempre maggior frequenza si facciano prendere la mano e postino frasi di cui vergognarsi è ormai altrettanto noto. Certo però ogni qual volta ci si debba, ahi noi, trovare di fronte alle esternazioni quantomeno discutibili, giusto per usare un eufemismo, di qualche appartenente alla classe dirigente italiana, verrebbe voglia di passare oltre confine.

morelli legha vendola

Oggi è il turno del leghista Alessandro Morelli, ex assessore nella giunta milanese di Letizia Moratti e attualmente capogruppo consiliare della Lega Nord a Palazzo Marino, che ha pubblicato sul proprio account Facebook la foto di Nichi Vendola con un titolo che recitava “Gay e pedofilo” seguito da “sono pronto a fare la mamma”. Come da copione arrivano poi le scuse, postate sempre su Facebook mentre l’Arcigay, commentando l’episodio definisce i leghisti in questione dei “bulli di periferia”.

Naturalmente in soccorso a Morelli accorrono i compagni di partito. Matteo Salvini ha dichiarato: “Si scatena una “bufera” su Morelli per una cazzata su Facebook, intanto la disoccupazione giovanile vola al 40 per cento, le aziende chiudono, i giovani partono, Milano fa schifo». Mentre il segretario provinciale Igor Iezzi ha affermato: “La sinistra milanese si occupi degli enormi errori commessi dall’amministrazione Pisapia invece di stare al computer”. Affezione al Pc che, finora, ha creato più problemi alla Lega che ha collezionato una serie di “perle” sull’antropologia da parte dei propri rappresentanti (Calderoli vs Ministro Kyenge docet). Nichi Vendola si è limitato a replicare con un laconico: “Morelli stia tranquillo: delle sue farneticanti e miserabili parole risponderà in tribunale”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Juventus-Galatasaray 2-2 Risultato finale

yara gambirasio ultime notizie

Chi l’ha visto?: c’è un collegamento fra la morte di Yara Gambirasio e Andrea Pizzoloco?