in

Legge Cirinnà, o come trovarvi sposati a vostra insaputa

Indipendentemente da cosa pensiate a proposito dei matrimoni gay, che voi siate favorevoli, contrari, indifferenti o semplicemente confusi, la Legge sulle Unioni Civili, o Legge Cirinnà, riguarda un gran numero di altri rapporti, soprattutto i normali rapporti di convivenza tra un uomo ed una donna che hanno deciso di “assaggiare la convivenza” prima di sposarsi, o non possono ancora permettersi di farlo, o sono contrari per vari motivi all’istituto del matrimonio.

Tu che mi leggi magari convivi con una fidanzata o un fidanzato. Ebbene, il disegno di legge approvato faticosamente al Senato, se dovesse passare anche alla Camera, potrebbe farti trovare da un giorno all’altro con una serie di obblighi o responsabilità che finora non hai avuto. Abbastanza inquietanti peraltro.

Andiamo con ordine.

Il Disegno di Legge Cirinnà, così come è stato deliberato dal Senato, attraverso il “Maxi-Emendamento” che riscrive tutti gli articoli come risultanti dalla discussione parlamentare, prevede la regolamentazione di due nuove figure:

  • Le “Unioni Civili” per le coppie omosessuali
  • Le “Convivenze di Fatto” per le coppie omosessuali ed eterosessuali

Mentre con le “Unioni Civili”, due persone dello stesso sesso dichiarano liberamente di volersi unire, e di formare una coppia che ha praticamente gli stessi diritti e doveri di una coppia sposata, comprese le conseguenze di un’eventuale separazione, con la regolamentazione delle “Convivenze di Fatto”, anche voi che mi leggete e convivete con una persona con cui non avete “ancora” voluto sposarvi, vi trovate vincolati ad un rapporto che anche in questo caso prevede una quasi completa identificazione col matrimonio. Compreso, e qui casca l’asino, il dovere di mantenere l’ex-convivente in caso di separazione (art. 65 del testo approvato al Senato).

A molti di voi immagino stia correndo un brivido lungo la schiena…

Qualcuno in Parlamento ha deciso che due persone NON possono “convivere e basta”. Non possono “assaggiare” la convivenza con una persona che vorrebbero anche sposare, ma magari meglio provare prima se si ha un carattere compatibile. O verificare se l’altra persona è affidabile.

Non stiamo parlando di matrimoni ed adozioni gay. Queste hanno occupato il dibattito pubblico e l’effettivo dibattito parlamentare.

La disciplina delle Convivenze di Fatto non è stata che lontanamente sfiorata dalla discussione in Senato.

Né da quelli a favore dei matrimoni gay, né dai contrari.

Siete sposati a vostra insaputa ed attaccatevi al tram.

I signori in Parlamento hanno deciso per voi, senza che nessun partito avesse messo nel programma il “matrimonio a vostra insaputa”, e senza che nessuna dotta trasmissione televisiva abbia affrontato questo argomento. I signori hanno legiferato.

A meno di miracoli, adesso sono cavoli vostri, soprattutto se non siete convinti di sposare la persona con cui state convivendo. In questo caso, meglio mollarsi prima che la Legge arrivi alla Camera.

Finchè vi aspetterete che la politica regolamenti faccende che attengono SOLO alla vostra libertà, i risultati saranno questi.

Meglio quindi darvi alla fuga, se siete in una relazione di cui non siete convinti, e salvare la VOSTRA, personale, libertà. Qui ed ora. O la separazione non sarà affatto petalosa.

(Foto: palo_ok / Shutterstock)

P.s. prima di scatenare il panico, tra chi ha in corso una convivenza, sul fatto che appena passata la legge, gli ex-conviventi possano pretendere automaticamente il mantenimento, specifichiamo che si parla degli alimenti, e che la legge lascia ampia discrezionalità al giudice sul mezzo per appurare che la convivenza ci sia effettivamente stata, quanto sia durata, e sull’ammontare degli alimenti, che è commisurato alla durata della convivenza stessa. Confidiamo che il Parlamento voglia specificare meglio gli ambiti di applicazione della legge, attraverso regolamenti attuativi, norme interpretative, o ancor meglio una formulazione assai meno generica di tutti gli articoli in cui si fa riferimento alle “convivenze di fatto”.

Arsenal-Manchester City 2-1 highlights

Tottenham – Arsenal 2-2 video gol, sintesi e highlights Premier League

isola dei famosi 2016 cast

Isola Dei Famosi 2016 concorrenti: è lei la sostituta di Cecilia Capriotti