in

Legge di Bilancio 2019, Di Maio rilancia: “Facciamo come la Francia!”

Il vicepremier Luigi Di Maio risponde su Instagram alle domande dei follower sulla manovra, dopo il vertice che si è tenuto in mattinata. E chiarisce che non ci saranno tagli alla sanità, semmai verranno mandati via i dirigenti politicizzati, sulla scia di quanto dichiarato dal portavoce di Palazzo Chigi Rocco Casalino contro il Mef in un audio diffuso qualche giorno fa: “Non ci saranno tagli ai servizi sanitari. Neppure un taglietto. La salute dei cittadini è la cosa più importante. Dobbiamo allontanare i dirigenti politicizzati, eliminare gli sprechi e fare nuove assunzioni”.Crollo ponte a Genova, Di Maio su revoca concessioni: «Atteggiamento di Autostrade vergonoso»

Reddito di cittadinanza: le ultimissime

A proposito del rischio che i lavoratori in nero possano prendere il reddito di cittadinanza, afferma: “Le sanzioni per chi dichiara il falso sono pesantissime. Non ci sarà nessuna pietà per chi cerca di fregare lo Stato e gli altri cittadini. In ogni caso, i furbi non vanno premiati e infatti a fine settembre nel decreto fiscale verrà previsto il carcere per chi evade”.

Di Maio: “Italia come la Francia”

Luigi Di Maio battezza poi la prossima legge di bilancio la “manovra del popolo” che “aiuta
gli ultimi e fa la guerra ai potenti”. E aggiunge: “Dentro ci saranno il reddito di cittadinanza, il superamento della Fornero e i soldi per i truffati delle banche”. “La Francia per finanziare la sua manovra economica farà un deficit del 2,8%. Siamo un paese sovrano esattamente come la Francia. I soldi ci sono e si possono finalmente spendere a favore dei cittadini. In Italia come in Francia”, ha poi twittato Di Maio.

rocco casalino m5s dichiarazioni di emilio fede

Lannutti (M5S): «Sto con Casalino. Al Mef remano tutti contro, sono uomini di Padoan»

Replica La Vita Promessa terza puntata del 24 settembre: come vedere il video integrale