in ,

Leghista insulta la Kyenge: lo licenziano e ora chiede la carità

Paolo Serafini, consigliere leghista circoscrizionale del Trentino, decide di appoggiare gli epiteti razzisti di Calderoli rivolti al Ministro Kyenge. Serafini aveva scritto su Facebook, rivolgendosi alla nostra politica di origini congolesi, “torni nella giungla”, il post è stato accompagnato da una foto raffigurante alcune scimmie. Il Trentino Alto Adige non è rimasto a guardare e ha deciso di rispondere con un segnale forte al cospetto di atti di intolleranti e razzisti: il 7 ottobre Serafini è stato licenziato da Trentino Trasporti, azienda presso la quale aveva mansione di autista.

insulti kyenge

 

Non ho più soldi e vivo con la solidarietà di chi mi porta generi di prima necessità. Spinto da alcuni amici ho aperto una carta Postepay, per chiedere la carità senza farlo di persona” asserisce Serafini il quale ha tenuto a giustificare le sue offese dicendo che cercava soltanto “qualcosa ad effetto”, ma “non per offendere”. Per recuperare la situazione l’ex consigliere ha scritto lettere di scuse a Silvio Berlusconi e al Ministro Kyenge senza ricevere risposte.

Nel frattempo il consigliere Livio Merler ha presentato a  Trentino Trasporti una richiesta di riassunzione sottoscritta da 193 persone che non ha sortito alcun effetto in quanto,  evidentemente, le motivazioni che hanno condotto all’interruzione del rapporto lavorativo sono, a detta del responsabile dell’azienda, assolutamente motivate : “non può sussistere rapporto di fiducia fra datore di lavoro e dipendente vista e considerata la Sua inclinazione all’apologia fascista e razzista”.

Justin Bieber e Selena Gomez

Justin Bieber e Selena Gomez: ritorno di fiamma

Robert Lewandowski

Video – Mercato, Bayern Monaco: Lewandowski supera le visite mediche