in

Lettera di presentazione da allegare al curriculum vitae: 7 errori da evitare

Siete alla ricerca di lavoro ma non sapete da che parte iniziare? Perché la vostra candidatura abbia più probabilità di successo, è consigliabile allegare al curriculum vitae una lettera di motivazione/presentazione altrettanto efficace e “appealing”. Ecco riportati gli errori più frequenti che potrebbero pregiudicare la possibilità di un colloquio.

errori da evitare lettera di presentazione

1. Riassumere il proprio curriculum vitae: la lettera di motivazione nasce con l’obiettivo di dare all’azienda un’idea della personalità del candidato e della sue competenze, ma non deve descriverne in modo analitico le esperienze professionali. Per quello è sufficiente il curriculum.

2. Essere “anonimi”: la lettera di presentazione deve essere il più possibile personalizzata e contenere, appunto, le motivazioni che hanno spinto il candidato ad offrirsi per quella particolare posizione e a scegliere quella azienda piuttosto che un’altra. Via libera, allora, a passione ed entusiasmo.

3. Indirizzarla alla figura aziendale non corretta. È preferibile inviare il documento al responsabile delle risorse umane, oppure, più genericamente, all’ufficio del personale: per recuperare il contatto giusto Linkedin vi sarà sicuramente utile.

4. Aprire…in modo sciatto: il documento merita un’apertura brillante e significativa perché l’obiettivo è quello di catturare l’attenzione dell’interlocutore.

5. Eccedere in lunghezza: “sbrodolature” e ridondanze non piacciono a nessuno, meno che meno a chi poco tempo a disposizione. Meglio essere concisi e focalizzare l’attenzione sui nostri punti di forza.

6. Essere sgrammaticati. Questo, ricordiamocelo, è sempre penalizzante.

7. Dimenticarsela…o dimenticarsi di firmarla: il curriculum vitae non basta; quando ci si trova davanti a centinaia di candidature, la lettera di presentazione è il biglietto da visita che può fare la differenza. E, proprio come il cv, è bene che sia accompagnata dalla nostra firma, ancora meglio se autografa.

 

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

testata brandao thiago motta

Testata a Thiago Motta di Brandao: il giocatore del Bastia rischia licenziamento

donne cambiare abitudini sbagliate

Come avere successo? Ecco 5 cattive abitudini che ogni donna dovrebbe eliminare