in

Leucemia: bambina di un anno salvata da una nuova cura

Una bambina di appena un anno era stata colpita da una grave forma di leucemia che i medici avevano classificato come incurabile. Le probabilità che potesse sopravvivere erano davvero molto basse ed era stata sottoposta a molte terapie negli ultimi mesi, nessuna delle quali aveva dato risultati positivi.

I medici del Great Ormong Street Hospital (Gosh) hanno così tentato un’ultima strada in collaborazione con la società farmaceutica Biofarmaceutica Collectis. I medici le hanno somministrato cellule immunitarie modificate geneticamente, in grado, secondo gli studi, di eliminare le cellule leucemiche e di non essere da queste rilevabili. A due mesi dalla terapia sperimentale, la bambina sembra essere totalmente guarita dalla leucemia, anche se bisogna attendere almeno un anno per la conferma definitiva.

La terapia è stata accolta molto positivamente dalla squadra del Gosh e la sperimentazione verrà ulteriormente finanziata, con trial clinici in arrivo anche per il prossimo 2016. La terapia contro la leucemia consiste infatti nell’utilizzo dei linfociti T, globuli bianchi, donati da un’altra persona e preventivamente ingegnerizzati grazie all’accorpamento di un gene. Grazie a questa modifica, i linfociti T hanno la capacità di identificare ed eliminare le cellule cancerose mantenendo una sorta di invisibilità nei confronti delle difese del cancro. Ovviamente è ancora presto per dire di aver trovato una cura efficace, ma i risultati sono positivi e ulteriori test clinici saranno in programma per il prossimo anno.

Walt Disney World offerte lavoro

Offerte di lavoro all’estero per italiani 2015: selezioni al Walt Disney World Resort in Florida

Film in uscita dicembre 2016

Eventi gratuiti Roma: Festival del Cinema Vintage, il 7 e l’8 Novembre 2015