in ,

Leucemia: scagionati i piloni dell’alta tensione tra le possibili cause

Ad affermarlo è una ricerca effettuata dalla Oxford University (in Inghilterra): i piloni che portano i fili dell’alta tensione non sono annoverabili tra le cause della leucemia infantile.

I ricercatori della prestigiosa università britannica hanno esaminato tutti i casi di leucemia che hanno riguardato i bambini dal 1962 al 2008, utilizzando i registri dei tumori in Inghilterra. Si tratta di circa 16.500 episodi i cui dati gli studiosi hanno messo a confronto con quelli di altri 10.000 bambini sani, rilevati in un certo arco di tempo.

Bambina ammalata leucemia

Dal loro raffronto è emerso che il rischio di contrarre la leucemia per quei bambini le cui mamme vivono in abitazioni vicine a piloni dell’alta tensione non è per nulla maggiore rispetto a tutte gli altri scenari abitativi. Lievi, ma significative differenze, invece, sono state riscontrate esaminando tutti i casi suddivisi in decadi. In particolare, è emerso che negli anni ’60 e ’70 c’è stato un debole incremento di episodi di leucemia infantile, rientrato nella norma nei successivi anni ’80.

Ed è proprio su un’analisi più dettagliata delle singole decadi, che si stanno concentrando gli studi, come spiega lo stesso autore principale dell’indagine, Kathryn Bunch: “Serve una ricerca ulteriore per capire il comportamento nelle singole decadi ma il risultato dello studio deve rassicurare i genitori che l’eventuale presenza nelle vicinanze di un pilone dell’alta tensione non aumenta i rischi di leucemia per i figli“.

I risultati di questa importante ricerca sono stati pubblicati sul British Journal of Cancer.

Bambini-influenza

Sarà il week end dell’influenza: a letto 367mila italiani

Stasera in diretta Tv: Che tempo che fa, Il segreto, Mondo senza fine, Lucignolo