in

Libia, naufragio al largo delle coste: oltre 150 le vittime

Il naufragio avvenuto ieri, giovedì 25 luglio 2019, al largo della Libia porterebbe con sé almeno 150 vittime. La tragedia – definita come “Il più tragico naufragio nel Mediterraneo quest’anno” – sarebbe avvenuta al largo di Khoms, il porto della Libia a poco più di 100 chilometri a est da Tripoli. Secondo quanto riportato da fonti locali sarebbero più di 150 i morti, mentre almeno 180 persone sarebbero state messe in salvo dalla guardia costiera libica. Stando al racconto dei sopravvissuti, in viaggio ci sarebbero state circa 300 persone, ma resta da chiarire se i migranti viaggiassero su uno o due barconi affiancati.

Libia, “Il più tragico naufragio nel Mediterraneo”

“È appena avvenuto il più tragico naufragio nel Mediterraneo quest’anno. – ha fatto sapere l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati tramite tweet appena dopo la strage – Ripristinare il salvataggio in mare, porre fine alla detenzione di rifugiati e migranti in Libia, aumentare i percorsi sicuri devono avvenire ORA, prima che per molte altre persone disperate sia troppo tardi”. E intanto sia l’agenzia Onu per i rifugiati che l’Organizzazione internazionale per le Migrazioni sottolineano come le morti in mare non si siano mai arrestate dall’inizio dell’estate. I migranti sopravvissuti al naufragio di ieri, assicurano da Medici Senza Frontiere, sono stati smistati dalle autorità libiche in tre centri di detenzione tra Misurata, Khoms e Slitan. La maggior parte di essi proveniva da Eritrea e Sudan.

(Immagini di repertorio)

Leggi anche —> Il Santo del giorno 26 luglio: Sant’Anna e San Gioacchino

La videosorveglianza domotica è il futuro (e la sicurezza aumenta)

sulmona giostra cavalleresca

Sulmona, Giostra Cavalleresca: dame, cavalieri e duelli