in ,

Licata: ragazza rumena uccisa con due colpi di pistola all’inguine: arrestato il fidanzato

A Licata, in provincia di Agrigento, una ragazza rumena di 20 anni, Alina Condurache, è stata barbaramente uccisa a colpi di pistola nell’inguine. A toglierle la vita il suo fidanzato di 21 anni, Angelo Azzarello, che pare non volesse accettare la fine del loro rapporto. I due hanno litigato e la discussione è finita in tragedia, stando a quanto i carabinieri hanno potuto dedurre dai primi accertamenti. La giovane conviveva con lui da tre anni, anche se negli ultimi mesi il loro rapporto non andava più bene. Continui litigi e discussioni l’avevano portata a maturare la scelta di interrompere la relazione e ieri sera, alle 23.30, il tragico epilogo.

Alina è stata uccisa in un’azienda agricola sita in contrada Cipolla, tra Palma di Montechiaro e Licata. Alcuni suoi parenti che abitano nella zona le hanno prestato soccorso, ma per lei non c’è stato niente da fare: è morta per un’emorragia interna durante il trasporto all’ospedale San Giacomo d’Altopasso. L’omicida si trova al momento in stato di fermo e l’arma dalla quale sono partiti i due colpi mortali non è ancora stata ritrovata.

Calciomercato Inter ultimissime: Ramirez l’alternativa a Lavezzi

Claudia Galanti, Indila Carolina, figlia morta, ultimi aggiornamenti

Claudia Galanti, ultimi aggiornamenti 4 dicembre: ecco con chi era la figlia Indila Carolina prima di morire