in

Licenziamenti Almaviva, annunciato maxi-taglio di 3.000 posti: ecco cosa sta accadendo

Brutte notizie per chi lavora nei call center Almaviva a Roma, Napoli o Palermo. I 3.000 gli esuberi – che, secondo quanto riportato da Fistel Cisl, sarebbero dovuti alla perdita strutturale di un milione di euro al mese nei tre siti interessati – hanno spinto il gruppo a rendere la nota la proposta di un maxi-licenziamento, che interesserebbe la sede di Palermo (dove lavorano 1.670 operatori del gruppo), quella di Roma (918 addetti) ed infine Napoli (400).

Mentre la società accusa il mercato delle esternalizzazioni dei servizi Tlc, a suo avviso distorto dai massimi ribassi richiesti nelle gare degli operatori delle Tlc, non si è fatta attendere la protesta dei lavoratori soprattutto a Palermo, città interessata da oltre la metà dei tagli. Come si evince da Facebook, anche a Roma, oggi 23 marzo, è previsto uno sciopero contro i licenziamenti.

Intanto il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha fatto sentire la propria voce appellandosi così al gruppo: “Invitiamo Almaviva a revocare la comunicazione di avvio della procedura di mobilità per tremila lavoratori ed a rendersi disponibile a riprendere e sviluppare il confronto con le organizzazioni sindacali e con le istituzioni per verificare le possibili alternative ad una decisione che produrrebbe una situazione pesante dal punto di vista sociale, peraltro in territori che già scontano difficoltà occupazionali”. A proposito del lavoro nei call center, Poletti ha aggiunto che il Governo sta aprendo un tavolo dedicato al comparto, dove verranno discussi alcuni provvedimenti atti a migliorare il contesto lavorativo nel settore, dagli ammortizzatori sociali al finanziamento dei contratti di solidarietà, fino ad arrivare alla cancellazione del massimo ribasso sugli appalti. La discussione è stata fissata al 18 aprile.

In apertura: nito/Shutterstock.com

Candreva Calciomercato

Calciomercato Inter ultimissime, offerta per Candreva: soldi più Jovetic

Athletic Club Ujana Viareggio 2016

Viareggio Cup 2016, la sorpresa è l’Ujana: “Vogliamo crescere ancora”