in

L’incubatore per startup Enry’s Island apre a Pescara: “Più che incubatori, siamo dei procreatori”

L’incubatore italiano Enry’s Island ha inaugurato ieri, 29 Gennaio, la sua nuova sede a Pescara: a due passi dal mare, si occuperà di accogliere le startup accuratamente selezionate per trasformale in aziende di successo.

Avevamo parlato di Enry’s Island quando Luigi Rinaldi, fondatore e CEO , ci aveva presentato il social network “Brandkloud”: a poco meno di due mesi di distanza, l’incubatore per startup che aveva base solo a Dublino, ha aperto ora i battenti anche a Pescara. “Non ci limitiamo a creare una vetrina commerciale in cui esporre le nostre startup, tramite Investor Day, Demo Day, etc..” spiega Rinaldi, serial entrepreneur internazionale con alle spalle anche esperienze in Silicon Valley.

A differenze della maggior parte degli incubatori, Enry’s Island lavora senza alcun programma standard di accelerazione e/o incubazione: nessuna tempistica predeterminata e nessun percorso predefinito, il neonato incubatore di Pescara si impegna a rispettare l’unicità di ogni startup che “approda sull’isola” creando programmi ad hoc in base a tre caratteristiche principali, quali idee, competenze e capitali. “Più che incubatori, siamo dei ‘procreatori’ di startup: ci piace essere parte attiva nel processo di ‘concepimento’ del business (e non limitarci a supervisionarne la crescita). Non siamo delle balie, siamo ormonalmente-intellettualmente iperattivi” commenta infine ironicamente Luigi Rinaldi.

Seguici sul nostro canale Telegram

calciopoli, cassazione, marotta

Calciomercato Juventus: Mandzukic stop, bianconeri su Pazzini o Gilardino

Calendario Serie A 2016/2017

Calciomercato Roma news, entrate e uscite: Santon torna di moda, Doumbia caso intricato