in

L’Inps e la pensione calcolata male: 80enne deve restituire 24.836 euro

L’Inps ha sbagliato i calcoli della pensione a un ex bidello 80enne di Treviso, che ora sarà costretto a restituire all’ente 24 anni di arretrati, per un totale di 24.836,21 euro: potrebbe essere scambiato per uno scherzo di cattivo gusto, ma la notizia non ha nulla di comico, come ha documentato “La Tribuna di Treviso” allegando all’articolo la suddetta lettera prodotta dall’Inps.

Il pensionato sarà chiamato a restituire all’istituto il malloppo attraverso 288 trattenute sulla pensione: d’ora in poi il suo assegno mensile sarà decurtato di 87 euro al mese sino al 2039, ovvero sino al compimento del 103esimo compleanno.

L’uomo, in pensione dal primo settembre del 1992, è stato costretto a ricorrere a un avvocato, affinché l’Inps gli chiarisca le dinamiche che hanno portato al “ricalcolo” del suo trattamento previdenziale: a quanto riportato da “La Tribuna di Treviso”, pare che le uniche comunicazioni pervenute al pensionato riguardino l’entità del debito, il prelievo mensile e le modalità di pagamento dello stesso. L’unica buona notizia è che negli anni il signore è riuscito a mettere da parte qualche risparmio, che gli permetterà ora di fronteggiare la situazione.

In apertura foto solo a titolo esemplificativo – Image Credit: Sandra.Matic/Shutterstock.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Barcellona-Psg highlights gol

Pronostici calcio oggi: consigli scommesse su Premier League, Bundesliga e Liga spagnola

Offerte di lavoro ingegneri

Concorso architetti e ingegneri 2016 a Mantova: bando, requisiti e scadenze