in ,

Lionel Messi e Alessandro Florenzi tra i finalisti del FIFA Puskas Award

E’ ufficiale Alessandro Florenzi sfiderà Lionel Messi nella fase finale del FIFA Puskas Award. Il premio, istituito dalla FIFA nel 2009, viene assegnato al gol più bello realizzato in qualunque competizione durante l’anno. Florenzi raggiunge la finale grazie al gol realizzato da centrocampo, contro il Barcellona il 16 settembre nella prima giornata di Champions League. Messi, invece, è stato selezionato per la sua serpentina ubriacante realizzata in Coppa del Re, contro l’Athletic Bilbao. Insieme a Messi Florenzi concorrerà al FIFA Puskas Award anche Wendell Lira e la sua rovesciata volante durante Atletico GO – Goianiesia, partita del campionato brasiliano.

Messi, Florenzi Wendell sono stati scelti da una lista che, inizialmente, comprendeva altri 7 gol. Per votare il proprio gol preferito bastava accedere al sito della FIFA e cliccare sul gol più spettacolare. Ora, gli utenti potranno nuovamente votare tra i 3 finalisti chi, secondo la propria opinione, merita di vincere il FIFA Puskas Award 2015. Inizialmente, facevano parte dei 10 gol altre due conoscenze della nostra Serie A, oltre a Florenzi; si tratta di Tevez con la sua cavalcata contro il Parma e di Mexes con lo spettacolare tiro al volo messo a segno nel derby estivo.

Come già accennato il FIFA Puskas Award è giunto alla sua settima edizione e nell’albo d’oro del premio possiamo trovare gente del calibro di James Rodriguez ( vincitore nel 2014), Neymar (2011, con la maglia del Santos), Zlatan Ibrahimovic (2013) e Cristiano Ronaldo (2009). Il gol più bello viene scelto secondo alcuni criteri: soggettivi, come la bellezza, oppure oggettivi come l’importanza della partita o il fair play del giocatore. Inoltre, la segnatura non deve essere fortuita o frutto di una deviazione.

ricette la prova del cuoco

La prova del cuoco ricette: bocconcini di maiale e frutta candita di Luisanna Messeri

Assunzioni ufficio comunicazione M5s

Beppe Grillo a Silvio Berlusconi: “SilvioGoditiLaVecchiaia”