in ,

Liposuzione, in Italia è boom di interventi

Un’indagine condotta dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) ha confermato, anche per quest’anno, i dati già rilevati nel 2012: sono sempre più numerosi gli italiani (soprattutto italiane) che ricorrono alla liposuzione. I numeri parlano chiaro: 44.464 interventi in un anno, seguiti da quelli di mastoplastica additiva (33.481 ) e di blefaroplastica (31.982).Liposuzione intervento

“Ovviamente dagli anni 70, in cui la liposuzione si effettuava con cannule con calibro molto grosso e con strumenti meno sofisticati, la tecnica si è evoluta notevolmente. Oggi è diventata un’operazione molto precisa, che usa micro cannule, laser e motori dotati di punte che si muovono in modo automatico: utilizzando strumenti tecnologicamente molto avanzati, anche i risultati sono proporzionati alla raffinatezza della tecnica e risultano meno invasivi”, ha commentato Renato Calabria, chirurgo plastico a Beverly Hills, Milano e Roma e docente presso il Department of Plastic Surgery at the University of Southern della California.

Il boom di interventi di liposuzione registrati in Italia, stando alle parole dell’esperto, sono dovuti anzitutto all’ossessione per la magrezza che va dilagando sempre di più, e non solo tra le donne. L’operazione in questione, infatti, mira ad eliminare l’adipe in eccesso, che si deposita in particolar modo su fianchi e cosce, dando alla silhouette un nuovo profilo rimodellato e snello. Ed oggi, in virtù di tecniche di intervento sempre più sofisticate e meno invasive, l’eccellenza dei risultati raggiunti lo rende l’intervento di chirurgia estetica più gettonato in assoluto.

Tra le tecniche innovative di recente introduzione nelle strutture cliniche più all’avanguardia vi è, ad esempio, la “liposuzione ad ultrasuoni” che – spiega il dottor Renato Calabria – “E’ molto efficace e indicata per persone che non vogliono un lungo tempo di degenza. L’idea alla base è quella di utilizzare delle onde sonore ultrasoniche che abbiano il compito di rompere le cellule adipose (grazie all’effetto termico e cavitazionale); i liquidi che si formano insieme alla rottura vengono drenati esternamente con delle cannule più fini, con il risultato di cicatrici più piccole e tempi di ripresa più veloci”.

pomeriggio cinque

Pomeriggio Cinque, salta la versione estiva del programma di Barbara D’Urso

I dieci simboli elettorali più brutti della storia (recente) italiana