in ,

Lisbona e la street art: reazionaria, malinconica e sorprendente (reportage fotografico)

Lisbona è una città particolare in cui vive una comunità molto eterogenea che riesce, però, a rimanere legata al proprio passato e alle tradizioni. Nel 2008 il comune di Lisbona decide di intraprendere una campagna di pulizia del “Bairro Alto”, uno dei quartieri centrali di Lisbona, cancellando dai muri i graffiti, le tag e i disegni di artisti illegali; nonostante ciò l’obiettivo non era debellare e censurare questa forma artistica anzi, si è cercata una modalità legale utile a sensibilizzare i cittadini al cospetto di questa arte che può divenire una forma espressiva e comunicativa di alto livello e non solo mero vandalismo.

IMG_4307

IMG_4733

IMG_4735

IMG_4738

Nel 2010 Pedro Soares Neves, un noto street artist portoghese, torna a Lisbona dopo aver lavorato in giro per il mondo diversi anni. Durante il suo soggiorno nella capitale nota molti edifici enormi, fatiscenti, ma ormai chiusi e abbandonati per via della crisi e chiese al comune di poter intraprendere un progetto con l’aiuto di altri artisti portoghesi ed internazionali. Il comune approva l’idea, investendo anche nella fornitura di elevatori, così è nato “CRONO”, un itinerario artistico per le vie di Lisbona. Sette erano in origine le tappe proposte dall’itinerario, ma solo cinque oggi sono visibili.

IMG_4945

IMG_5222

IMG_5263

IMG_5266

IMG_5287

IMG_5288

A questo proposito, nello stesso anno della campagna di pulizia, il comune inaugura un programma di arte urbana creando “GAU” (Galeria de Arte Urbana), una galleria a cielo aperto lungo una strada storica del centro, dove sono posizionati una serie di pannelli a disposizione degli artisti di strada. Qui le opere cambiano continuamente, senza regole né tempistiche, così da rendere “GAU” sempre nuova e imperdibile. Dopo questo primo grande progetto il comune ne ha replicate di simili, in scala ridotta, in altri quartieri cercando di tutelare anche le opere storiche care agli abitanti della zona.

IMG_5473

IMG_5485

IMG_5500

IMG_5502

IMG_5507

IMG_5526

IMG_5560

IMG_5626

IMG_5678

IMG_5682

IMG_5727

IMG_5863

IMG_6961

IMG_6964

IMG_6972

IMG_6985

IMG_6991

IMG_6994

Lungo Avenida Fontes Pereira de Melo, una lunga stradona che porta a Praça Marquês de Pombal, una delle zone più turistiche e moderne di Lisbona, si trovano tre edifici abbandonati, con cinque stupende ed immense opere. Una di queste è creazione di Blu, noto street artist italiano, che rappresenta con la sua opera una lampante critica alla società moderna ed è stato recentemente inserito nella lista dei 10 artisti più influenti del mondo. Questa malinconica e affascinante città riesce a coniugare con naturale eleganza uno spirito reazionario alla street art con risultati sorprendenti.

Fotografie e articolo a cura di Arianna Tedesco

 

Maradona aggressione fidanzata

Maradona prende a schiaffi un giornalista

Massimiliani Allegri in Asia

Calciomercato Juventus news, Allegri: troppi errori e non solo in difesa