in ,

L’Italia contro l’Isis: trenta soldati delle forze speciali in partenza, la smentita

Barack Obama ha chiesto che il governo italiano inviasse 80 soldati delle forze speciali, in una nuova base militare a Taqaddum, per combattere l’Isis. La notizia è stata resa pubblica da Il Foglio, basandosi sulla fonte della Farnesina. Tuttavia, il ministero della Difesa smentisce il tutto.

A fronte della richiesta di Barack Obama, sarebbero stati inviati trenta soldati delle forze speciali italiane nel territorio tra due delle città sottoposte al controllo dello Stato Islamico, Ramadi e Falluja. Parliamo di Taqaddum, la zona più calda del conflitto tra l’Isis e la coalizione occidentale. Infatti, le forze speciali italiane andrebbero a supportare il contingente americano, l’esercito iracheno e i clan sunniti chiamati alle armi. Nel frattempo, il ministero della Difesa ha smentito la notizia: “Non c’è e non è prevista alcuna attività operativa delle forze speciali sul terreno a Ramadi, né con le truppe irachene né con le forze della coalizione”, aggiungendo “L’unico impegno delle forze speciali in Iraq non ha carattere operativo ma addestrativo”.

Giungono buone notizie dal fronte siriano: le truppe curde hanno recuperato la città di Kobane, precedentemente occupata dall’Isis. Gli scontri proseguono al sud del paese, dove i Jihadisti sunniti sono stati costretti a ritirarsi.

marchetti consigli fantacalcio 38a giornata

Ultime notizie Lazio calcio: pronto il rinnovo per Marchetti

Moto Gp

Diretta Moto Gp, Gran Premio Assen: vince Rossi davanti a Marquez, 3° Lorenzo