in ,

Livorno: ladri senza paura rubano di notte al cimitero

Entrereste in un cimitero di notte? Per fare un furto? Proprio accanto alle salme? Se avete risposto “no” già alla prima domanda non preoccupatevi, siete come la maggioranza: persone normali. Invece qualcun altro lo ha fatto, eccome, di entrare in un campo santo a rubare. E’ successo a Livorno.

Cade e muore nella tomba del marito

Dovevano essere almeno in due e si sono intrufolati nella discarica a lato del cimitero non appena sono calate le tenebre. Poi hanno atteso che scendesse la quiete e sono entrati in azione. Hanno puntato quattro lastre di zinco usato per rivestire le bare, ma non quelle recenti. Le bare più datate. Erano state messe da parte nel corso dei lavori di estumulazione delle salme. Evidentemente i ladri le avevano notate qualche giorno prima e sapevano dove trovarle e come trasportarle. E non è finita qui.

I predoni della notte hanno fatto razzia di maniglie di ottone, anche queste depositate durante le pratiche di pulizia delle tombe e dei loculi più vecchi. Quello dello zinco e dell‘ottone sono due mercati paralleli a quello del rame: con la crisi economica tutti e tre materiali hanno visto crescere in maniera vertiginosa il loro prezzo attirando l’attenzione dei ladri. Anche di quelli più coraggiosi.

Performance teatro non convenzionale

Dieci giorni veneziani senza sosta, da “Scarpe Rotte” a “CARCERI (DIS)UMANE: azioni teatrali di informazione non convenzionale”

Lophiaris silverarum

Lophiaris silverarum, scoperta a Panama una nuova e rara specie di orchidea