in ,

Lodi, controllore Trenord accoltellato: passeggero in fuga e ricercato

Aggiornamento ore 12:24 – SINDACATI SUL PIEDE DI GUERRA

La Filt Cgil Lombardia di Stefano Malorgio è la prima a partire all’attacco e indice “uno sciopero immediato con blocco dei servizi di controlleria, stiamo procedendo alla dichiarazione con le altre organizzazioni”. Secondo Malorgio, non si fa abbastanza per garantire più sicurezza sui treni. Anche la CGIL pronta a prendere iniziative in tal senso.

Aggiornamento ore 12.20 – UOMO RICERCATO – L’identikit dell’aggressore sarebbe: uomo di colore, jeans, maglietta bianca, alto. È sceso mentre il treno era ancora in corsa.

 

Mattinata di paura sul treno in servizio tra Piacenza e Milano. Un controllore di treni è stato ferito, intorno alle 7 del mattino, all’altezza di Santo Stefano Lodigiano. L’aggressore, di cui non si conosce la nazionalità, è ricercato. L’aggressione – secondo quanto ha ricostruito Trenord – è avvenuta nel momento in cui il controllore ha chiesto all’uomo di mostrargli il biglietto. L’uomo, dunque, avrebbe immediatamente estratto e usato il coltello contro il dipendente Trenord che è stato caricato in ambulanza alla stazione successiva, quella di Codogno (Lodi) e portato in ospedale.

Il controllore è stato ferito con una lama conficcata nella mano destra, avendo tentato di difendersi da un fendente all’addome. La vittima è stata portata all’ospedale di Codogno in condizioni di salute definite non gravi: ha la mano trapassata da parte a parte. Polizia e carabinieri stanno cercando di trovare l’aggressore, un uomo di colore, che si è dato alla fuga riuscendo ad aprire le porte del treno mentre il convoglio stava arrivando alla stazione di Santo Stefano Lodigiano.

>>> Tutte le news con UrbanPost <<<

>>> Le ultime notizie con UrbanPost <<<

fabrizio corona carcere foto

Fabrizio Corona a Striscia la Notizia: “Al posto delle Veline, due capre dei Pirenei”

totò riina morto

Totò Riina oggi news: Tribunale Sorveglianza dice no a scarcerazione, il suo legale annuncia ricorso