in ,

Lombardia, appalti truccati: arrestato il consigliere regionale Lega Nord Fabio Rizzi

Arrivano i primi nomi tra i 21 arrestati che sono finiti nella rete delle forze dell’ordine all’interno dell’operazione “Smile”, lanciata questa mattina dai Carabinieri del comando di Milano su misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Monza; tra i coinvolti nell’inchiesta, che il Nucleo Investigativo del capoluogo lombardo aveva avviato già nel 2013, ci sarebbe anche il consigliere regionale della Lega Nord Fabio Rizzi.

L’esponente del Carroccio, presidente della commissione Sanità e autore della riforma del sistema sociosanitario della regione Lombardia, è finito in manette insieme alla moglie; su entrambi pesa l’accusa di associazione a delinquere, con i carabinieri che avrebbero disposto perquisizione negli uffici regionali. L’uomo avrebbe, secondo quanto affermato dai Carabinieri, indotto funzionari pubblici preposti alla gestione di forniture e servizi odontoiatrici delle Aziende Ospedaliere della Regione a favorire la scelta nei bandi di gara di una sola società riconducibile a Maria Paola Canegrati.

Insieme al consigliere Fabio Rizzi sarebbe coinvolto anche Mario Valentino Longo, entrambi avrebbero ricevuto tangenti; le autorità hanno per questo disposto il sequestro di beni, in solido, di 50.000 euro per entrambi. Le indagini, che come detto sono iniziate nel 2013, avrebbero portato allo scoperto un giro di affari illeciti di 400 milioni di euro che coinvolgerebbe funzionari dell’azienda sanitaria di azienda sanitaria di Desio e Vimercate, dell’ospedale Maggiore di Milano, dell’ospedale Bolognini di Seriate (Bergamo), di Busto Arsizio (Varese) e Melegnano.

Netflix per Windows 10 e iOS 9

Netflix Italia catalogo: nuovi film serie tv e, intanto elegge Fastweb miglior provider

conchita wurst sanremo 2015

Ballando con le Stelle 2016 prima puntata anticipazioni: Conchita Wurst ballerina per una notte