in ,

Loris Stival, lettera di Veronica dal carcere: i particolari del suo rapporto con il suocero

C’è una lettera scritta in carcere da Veronica Panarello nel dicembre 2015 – quando ancora era lontano il coinvolgimento del signor Andrea Sival – e indirizzata ad una parente, di cui la stampa è venuta a conoscenza solo qualche giorno fa, dopo che il settimanale Giallo l’ha resa nota. Quella missiva, alla luce degli ultimi sviluppi del caso, oggi fa tanto discutere. La Panarello si definisce  sola e profondamente delusa perché abbandonata, dopo l’arresto, dalle persone che credeva vicine. La 27enne si sofferma più a descrivere l’interrotto rapporto con il suocero, Andrea Stival, che non quello con il marito Davide, che poche ore dopo l’arresto le voltò le spalle credendola colpevole dell’omicidio del loro figlio Loris.

“Tutti quelli che per dieci anni mi sono stati accanto ora sono spariti. Quello che mi ha deluso di più è Andrea Stival. Quando era rimasto solo, io gli ho lavato i vestiti, ho pulito casa, gli ho dato da mangiare… Come può dire tante cattiverie sul mio conto?”, si legge nello stralcio della lettera pubblicata sul settimanale Giallo.

Veronica nella lettera fa anche riferimento ad Andreina, la compagna del suocero, che a suo dire era a conoscenza dello stretto legame tra loro (legame che la Panarello ha di recente rivelato essere stato una vera e propria relazione sessuale, dalla quale sarebbe scaturito il movente dell’omicidio di Loris, che lei addebita proprio al suocero. “Ho letto molte intercettazioni, e la frase che non permetto venga detta dalla compagna di Andrea è che io ‘fracassavo di legnate’ tutto il giorno Loris. Questa è una grandissima bugia… Ultimamente i rapporti erano cambiati. Un giorno Andrea venne a casa mia dicendomi che la voleva lasciare…”, scriveva più di un anno fa, Veronica.

Sappiamo che Andrea Stival ha bollato come “infamanti accuse” le parole della nuora, accusandola di essere manipolatrice e bugiarda. L’uomo pochi giorni fa è stato sentito dagli inquirenti, che ora lo indagano come atto dovuto per concorso in omicidio volontario e occultamento di cadavere. Stival ha negato la relazione con la donna, e rigettato con forza l’accusa di omicidio. Ha detto che i suoi rapporti con Veronica e Loris erano quelli ‘normali’ che si confanno ad un suocero e nonno premuroso, e nient’altro. Eppure le ultime indiscrezioni parlano di presunti assidui contatti telefonici con la ragazza, anche durante la notte, quando il marito Davide, nonché suo figlio, era fuori per lavoro. Una circostanza, questa, che certamente sarà attenzionata dagli inquirenti, impegnati nella ricerca di riscontri oggettivi su quanto rivelato dalla Panarello nel suo ultimo interrogatorio.

Pasqua 2016 offerte economiche voli e FlixBus

Pasqua 2016 viaggi low cost: voli economici e offerte Megabus e FlixBus da prenotare subito

Barcellona-Psg highlights gol

Pronostici calcio oggi: consigli scommesse su Premier League, Bundesliga e Liga spagnola